Questo sito contribuisce alla audience di

La biblioteca desiderata da Giuseppe Pontiggia

Un estratto di un suo libro per raccontare il uso rapporto con le biblioteche e i libri.

“L’idea della doppia vita lo conquistò subito. Al lunedì sera, benchè intirizzito dal freddo, eccolo seduto a leggere nella piccola sala della biblioteca comunale. Prese in questo modo ad evadere ogni sera, benchè talvolta non ne avesse l’entusiasmo. Ma quando, il giorno dopo, in ufficio lo assaliva il panico di non fare a tempo e intorno le macchine levavano un fragore continuo si rifugiava disperatamente nel pensiero di quella quiete. Usciva infine, alle sei, svuotato di energia, ma ripetendo tra sé che doveva essere nelle identiche condizioni del mattino. “
Il protagonista della Morte in banca ero io adolescente e la biblioteca era quella comunale del Castello. Tanta parte ha avuto nella mia storia personale e vorrei la avesse per tutti quelli che amano leggere.