Questo sito contribuisce alla audience di

FAQ e non solo 4

Proseguiamo nella presentazione di alcune delle domande più frequenti ce si possano fare sul mondo delle biblioteche.

A. Quanto é antico il mestiere di bibliotecario? Il glossario dellALA definisce questo lavoro come la professione che riguardal’applicazione della conoscenza dei media e di quei principi, teorie, tecniche e tecnologie che contribuiscono alla stabilizzazione, preservazione, organizzazione e utilizzo delle collezioni di materiale libraio e per la diffusione della informazione tramite i media. Barbara Ehrenreich scrive, in Fear of Falling: The Inner Life of the middle class (Pantheon: New York, 1989), che la professionalizzazione avvenne tra il 1870 e il 1920. Anche altri punti fissi sono ormai certi: 1876 Melville dewey definì il primo sistema di classificazione per biblioteche (DDC); fu fondata l’American Library Association e il Library Journal iniziò le sue pubblicazioni nel 1882. Nel 1887 si tenne la prima conferenza dell’ALA e nello stesso anno Dewey aprì la prima biblioteca scolastica alla Columbia University. Nel 1965 fu introdotto il Machin Readable Coding (MARC). B. Dove posso trovare le ultime novità relative al mondo delle bilioteche?
AcqWeb e la sua pagina di Hot Topics . Poi troviamo American Libraries Online che fornisce le notizie della settimana. Quindi il Library Journal Digital e il Library Juice che fornisce informazioni di diverso genere. Su LISnews.com ogni notizia é collegata a un forum e a una lista di discussione. Notizie diverse si trovano invece su Minnesota Library Association Social Responsibilities che offre anche una newsletter. Ha come editor Chris Lodge poi il Street Librarian . In ultimo, What’s Gnu? una collezione di annunci. C. Qual é la biblioteca più antica, la più grande, la più popolare etc…? Le risposte a tutte queste domande possono essere rintracciate alla Info Connect lists of Library Records . D. Dove posso leggere ulteriori approfonfimenti sulla biblioteconomia? Ecco alcuni titoli: Whole Library Handbook 3: Current Data, Professional Advice, and Curiosa about Libraries and Library Services. George M. Eberhart. Chicago: ALA, 2000. Enyclopedia of Library and Information Science. Allen Kent, Harold Lancour editors. New York: M. Dekker, 1968. New York: Garland, 1994. World Encyclopedia of Library and Information Services. Robert Wedgeworth, editor. Chicago: 1993.
E. Cosa sono i sistemi di clasificazione e di catalogazione? . Un sistema di classificazione é semplicemente un metodo per organizzare i libri e altre risorse bibliografiche. Le collezioni sono normalmente strutturate secondo una classificazione. Alcuni esempi: il familiare sistema decimale Dewey che viene usato nella maggior parte delle biblioteche pubbliche e scolastiche; il sistema di catalogazione della biblioteca del Congresso usato nelle biblioteche universitarie e di ricerca. Un catalogo é la lista ordinata e ragionata del materiale posseduto dalla biblioteca, e la catalogazione é la preparazione delle entrate per il catalogo. Un catalogatore prepara un riferimento bibliografico per ogni materiale che entra nella biblioteca, autore-titolo-data-soggetto etc…, e questa lista dei posseduti é accessibile attraverso il catalogo cartaceo o attraverso un catalogo sulla Rete come OPAC. Machine readable cataloging, MARC, é uno standard internazionale digitale per le informazioni bibliografiche che si prefigge lo scopo di uniformare tutto il sistema di interscambio di informazioni tra le biblioteche. Bibliografia su MARC: introduzione a Marc che parla della sua storia e della sua elaborazione da parte della Biblioteca del Congresso americana in collaborazione con la Follett Software Company. Poi LION’s cataloging Resources for School Libraries. F. Quali sono le classi del sistema Dewey? . Ci sono 10 categorie principali che sono a loro volta suddivise in 10 sottocategorie. Ognuna di esse ha a sua volta ulteriori suddivisioni. Quanto più é specifico il soggetto tanto più sarà lungo il numero di classificazione. La DDC é pubblicata da Forest Press che divenne una divisione dell’Online Computer Library Center nel 1998. Vediamo le classi principali: 000-099: Generale (enciclopedie e simili), 100-199: Filosofia e Psicologia, 200-299: Religione, 300-399: Scienze Sociali, 400-499: Linguaggio (inclusi i dizionari), 500-599: Scienze naturali, 600-699: Scienze applicate, 700-799: Arti, 800-899: Letteratura, 900-999: Storia, Geografia e Biografia. G. Quali sono le classi del sistema della Biblioteca del Congresso? . A: Generale. B: Filosofia e Religione. C: Storia e scienze ausiliarie. D: Storia e topografia (eccetto quella americana). E-F: Storia americana. G: Geografia, antropologia, folklore e divertimento. H: Scienze sociali. J: Scienze politiche. K: Legge. K-E: Legge canadese. KF: Legge americana. L educazione. M: Musica. N: Arti. P: Linguaggio e letteratura. Q: Scienza. R: Medicina. S: Agricoltura. T: Tecnologia. U: Scienze militari. V: Scienze navali. Z: bibliografia e scienze bibliteconomiche. Visitate anche la homepage del sistema: autore Matt Rosenberg . H. Quali sono le classi del sistema Universale di Classificazione Decimale? . In questo sistema lo scibile é suddiviso in 10 classi a loro volta suddivise nelle loro logiche ramificazioni. Una breve descrizione . Il sistema UDC ha anche il pregio di indicare tutte le interrelazioni fra i diversi soggetti attraverso tabelle e grafici. C’é anche il Consorzio Universal Decimal Classification . Le classi sono: 0: Generale, Scienze e organizzazione del sapere. Istituzioni, pubblicazioni e scienze biblioteconomiche. 1: Filosofia e Psicologia. 2: Religione e teologia. 3: Scienze sociali. 4: vacante. 5: Matematica e scienze naturali. 6: Scienze applicate. 7: Arti, divertimento e sport. 8: Linguaggio, letteratura e linguistica. 9: Geografia, biografia e storia. I. E gli altri sistemi di classificazione ? . Trovate una descrizione del Sistema Canadese alla Queen University . Oppure consultate questo testo: Sears List of Subject Headings 16th ed. H. W. WILSON, 1997. ISBN 0-8242-0920-6. L. Come debbo citare le informazioni che trovo su Internet? . Il fine di una citazione appropriata é quello di permettere al lettore di identificare e collocare correttamente il documento. I bibliotecari affrontano tre diversi problemi nel trattare le informazioni della Rete: rimandare gli utenti a documenti e materiale dove non esiste numero di pagina; citare mailing list dove i documenti utili non vengono memorizzati a lungo; trattare con informazioni che cambiano e si spostano. Così non c’é un sistema univoco e universalmente codificato bensì soltanto delle linee guida: MLA: Documenting Sources from the World Wide Web ; quindi The Chicago Manual of Style FAQ di cui esiste anche una critica e un approfondimento da parte di Andrew Harnack e Gene Kleippinger; APA: Electronic reference formats recommended by the American Psychological Association Styles . Una buona guida é anche Ann Robinson’s citing Internet Sources , poi Andrew Harnack e Gene Kleippinger hanno messo online la reference guide to using Internet Sources . Una guida veloce, invece: Citing net Source . Redatto da Xia Li e da nancy Crane é infine la guida di Electronic Style: A guide to citing electronic information . M. Dove posso trovare esempi di politica biblioteconomica nel campo dell’utilizzo di Internet, in materia di copyright, ecc..? . Due risorse utili e ricche sono Sample library policies for the Small Public Library e Copyright Resources Online . Law library Collection Development Policies: Policy Documents and resources, della University of Colorado Law Library, rappresenta una raccolta fatta da bibliotecari esperti di legge che gestiscono biblioteche specializzate del campo in molti paesi. Hanno creato una collezione virtuale di estratti di leggi e progetti che troverete qui. Altri link: WWW Policies and Guidelines di Stacie Kimmel; Colorado College Tutt Library; Integrated Library System Reports. In realtà é praticamente impossibile definire a chi ci si deve rivolgere per avere delle informazioni certe. In America in particolare la situazione é ancora più difficile perché spesso la politica si mescola alla cultura.