Questo sito contribuisce alla audience di

Torino chiama Egitto

L’anno scorso la Fiera del Libro dedicata a Israele che ha ignorato gli autori palestinesi era suonata come uno sgarbo alla cultura araba. Quest’anno Torino ripaga al torto, con due omaggi di valore.

L’Egitto, con i suoi autori più noti da Ala al-Aswani, il cui romanzo Palazzo Yacoubian (Feltrinelli) ha riscosso un notevole successo in Europa e in America, in poi e il grande archeologo Zahi Hawass, sarà il paese ospite della Fiera, al Lingotto dal 14 al 18 maggio. Sarà quella l’occasione per ricordare anche il Nobel egiziano Naguib Mafouz con reading arricchiti da momenti musicali.
La partecipazione dell’Egitto come paese ospite d’onore 2009 è stata volutamente fatta coincidere con tre eventi culturali dedicati alla storia e alla cultura di questa nazione: la grande mostra archeologica dei tesori subacquei che si apre a febbraio 2009 alla Venaria Reale; l’esposizione dei progetti di riallestimento del Museo Egizio, che continua a migliorare gli spazi espositivi e la comunicazione delle sue molte attrattive e risorse, in vista delle radicali trasformazioni attese per il 2011 e per il 2013; la mostra a Palazzo Bricherasio dedicata ad Akhenaton, faraone del Sole.
Come sempre, del Paese ospite d’onore si ricorderà non soltanto la letteratura, ma l’insieme della sua cultura artistica, musicale e teatrale, e la sua storia.

Il Circolo dei lettori dedica a Beirut, eletta Capitale mondiale del libro 2009, una ricca serie di appuntamenti dal 17 febbraio fino a novembre.

Leitmotiv dell’edizione 2009 sarà l’Io, e il suo rapporto con gli altri. Un tema da interpretare secondo i punti di vista della letteratura, della psicanalisi, delle scienze, del mito, della politica… come ogni anno alcuni tra i massimi esponenti del pensiero contemporaneo ne parleranno al Lingotto.