Questo sito contribuisce alla audience di

38a Conferenza internazionale annuale della Associazione internazionale di biblioteconomia scolastica

Dal 2 al 4 settembre, ad Abano Terme (Padova) in Italia, il Dipartimento di Scienze dell’educazione di Padova ospiterà la 38a Conferenza internazionale annuale della IASL (International Association of School Librarianship, www.iasl-online.org) l’Associazione internazionale di biblioteconomia scolastica.

Congresso IASL 2009 La biblioteca scolastica come spazio educativo finalizzato alla promozione della lettura, all’acquisizione delle abilità di ricerca per un apprendimento scolastico significativo, all’innovazione metodologica, alla documentazione dell’attività didattica della scuola: questi gli obbiettivi della 38° Conferenza, annuale della IASL - International Association of School Librarianship, l’Associazione internazionale di biblioteconomia scolastica, quest’anno organizzata in Italia dal Dipartimento di Scienze dell’Educazione di Padova.

All’Hotel Alexander di Abano Terme dal 2 al 4 settembre nella 38° conferenza dal titolo “La biblioteca scolastica sotto i riflettori: preparare gli allievi per il futuro”, si svilupperà il tema della ricerca delle informazioni nella biblioteca scolastica. Precederà la Conferenza una giornata di studi su “Leggere nell’era digitale: formare il lettore appassionato e competente attraverso la biblioteca scolastica”, in programma all’Università di Padova, Palazzo del Bo, il 1° settembre.

L’appuntamento, patrocinato, tra gli altri, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che ha anche concesso l¹esonero dall’obbligo di servizio, rappresenta un’indubbia opportunità di aggiornamento, approfondimento, incontro, scambio intorno ai temi della competenza informativa, competenza chiave nel terzo millennio, caratterizzato dalla complessità dei saperi e da continui rapidi cambiamenti nei contenuti e nei supporti della conoscenza.

Il programma della Conferenza e delle attività correlate è distribuito in cinque giornate (31 agosto-4 settembre 2009) e comprende relazioni in sessione plenaria, incontri e laboratori in sessioni parallele di approfondimento pedagogico-didattico, condotti da esperti di rilievo internazionale sul tema della promozione della lettura e della ricerca attraverso la biblioteca scolastica.

La Conferenza si svolge in collaborazione con diverse istituzioni internazionali, tra cui il Goethe Institut Italien e l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America, con istituzioni nazionali e locali ( MIUR, USR Veneto, ANSAS Veneto, Regione Veneto, Comune di Padova, Comune di Abano Terme, il Consorzio Biblioteche Padovane Associate, la Biblioteca Civica di Padova, la Biblioteca Civica di Abano Terme, la Biblioteca Bertoliana e la Biblioteca La Vigna di Vicenza, la Biblioteca Nazionale Marciana e la Biblioteca Querini Stampalia di Venezia), e associazioni del settore, come l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB), l’International Board on Books for Young People (IBBY), la Società Italiana di Pedagogia (SIPED) e il Centro Italiano per la Ricerca Storico Educativa (CIRSE) e la Società di Politica Educazione e Storia (SPES).

Nei giorni della 38° Conference (2-4 settembre 2009), nella hall dell’Hotel Alexander Palace si metterà a disposizione dei Congressisti:
* un’esposizione di prodotti e servizi per le biblioteche con la presenza di
importanti aziende specializzate nel settore;
* una mostra bibliografica internazionale dei libri per bambini e ragazzi;
* una mostra documentaria nel settore della biblioteconomia scolastica.

Bellissima immagine Tra le attività sociali, ricordiamo l’asta benefica che si svolgerà durante la cena di gala, prevista per sabato 3 settembre, il cui ricavato andrà a finanziare borse di studio e progetti speciali in paesi emergenti o in paesi le cui scuole sono state colpite da calamità. In particolare si predisporranno iniziative (dono di libri) per le Biblioteche dell’Abruzzo, aderendo al progetto dell’IBBY Italia “Pagine in gioco: Le biblioteche di Antonio in Abruzzo. Libri, giochi, incontri per bambini e ragazzi dopo il terremoto”.