Questo sito contribuisce alla audience di

La Biblioteca del DMS

La biblioteca del Dipartimento di Musica e Spettacolo è aperta al pubblico dal 1987. L'attuale sede di via Barberia 4, in Palazzo Marescotti, è stata inaugurata il primo dicembre 2007.

Biblioteca Il profilo funzionale è essenzialmente quello di una biblioteca universitaria di studio e ricerca, specializzata nei settori disciplinari della musica, del teatro, del cinema e della danza. La dotazione principale riguarda la letteratura scientifica, monografie e periodici con copertura internazionale, gli strumenti di consultazione, i testi, teatrali, letterari e musicali, teorici e pratici, per lo più in edizioni critiche o facsimilari o in riproduzioni microfilmate. La biblioteca dispone di una discoteca dedicata alla musica colta occidentale, alla musica folklorica, alla musica extraeuropea, al jazz e generi correlati, alla popular music (anni ‘60-’70).
La videoteca, dedicata quasi esclusivamente alla produzione cinematografica, ha una sede separata nel medesimo palazzo di via Barberia 4.
La biblioteca vanta infine il possesso di alcuni fondi speciali, contenenti documentazione primaria:

- un fondo di libretti d’opera otto-novecenteschi (circa 650 esemplari anteriori al 1951);

- un fondo di oltre 350 volumi di teatro, letteratura, musica comprendenti manoscritti, edizioni antiche ed altre edizioni rare;

- il Fondo René Leibowitz di edizioni e manoscritti musicali appartenuto al celebre direttore d’orchestra, compositore e musicologo, contenente tra l’altro autografi di Paul Dessau;

- l’Archivio Bruno Maderna che raccoglie materiali diversi, in originale o in riproduzione, relativi all’attività del compositore veneziano;

- l’Archivio Mario Del Monaco in allestimento a cura di Marco Beghelli

- l’Archivio Kazou Ohno comprendente materiali donati dal grande Maestro di danza Butoh.

- l’Archivio Leo De Berardinis affidato in comodato al Dipartimento di Musica e Spettacolo nel luglio 2008.

Gli archivi, alloggiati presso la biblioteca, godono di una gestione autonoma.

Il patrimonio attuale della biblioteca (archivi esclusi) ammonta a oltre 51000 volumi, 680 periodici di cui 274 correnti, 5900 dischi, 1100 microfilm. Attualmente la biblioteca acquista e riceve in dono/scambio oltre 2000 unità di materiale bibliografico e audiovisivo all’anno.

La formazione del patrimonio documentale della biblioteca risale alla fusione delle biblioteche dell’Istituto di discipline della musica e dell’Istituto di discipline dello spettacolo (istituti che cessarono di esistere con l’istituzione del comune dipartimento) e della Cattedra di Storia della musica della Facoltà di Magistero (oggi Scienze della formazione). Verso la fine degli anni ‘80 la biblioteca dipartimentale ha assorbito quella dell’estinto Istituto di studi musicali e teatrali (IMET).
La biblioteca ha beneficiato di frequenti donazioni bibliografiche da parte di docenti del dipartimento e di studiosi esterni. Tra i fondi più cospicui pervenuti con tale modalità si segnalano le donazioni di testi musicologici ed edizioni musicali del prof. F. Alberto Gallo, del prof. Lorenzo Bianconi e del compianto prof. Howard Mayer Brown (University of Chicago). I principali benefattori sono ricordati nella tabula gratulatoria.

La pagina di novità e avvisi si presenta in forma di blog per consentire agli utenti di commentare le attività della biblioteca, di contribuire con domande, osservazioni, critiche, a migliorarne l’organizzazione e la fruizione.