Questo sito contribuisce alla audience di

Curarsi con i libri

C’è sempre un libro in cui trovare conforto. La biblioterapia nasce negli anni Trenta negli Stati Uniti, grazie alle teorie dello psichiatra William Menninger. In America è ormai una realtà, come in Gran Bretagna, dove è adottata dal servizio di salute mentale nazionale.

Biblioterapia Io ho parlato di The Booktherpist, un sito, un progetto, ma soprattutto Stefania Moro, una donna che, dopo aver provato sulla propria pelle il potere della parola scritta, ha deciso di farne una vera professione. La booktherapy, un incontro amichevole, una chiacchierata empatica, come la definisce Stefania, non va confusa con la vera e propria biblioterapia, pratica legata a un percorso psicoterapeutico, ma diciamo che sono le due facce di un uso “diverso” del libro. Ora anche la biblioterapia comincia a diffondersi in Italia, in abiti ufficiali, dove alcuni esperti l’hanno proposta (come all’Arcispedale di Reggio Emilia). Il prossimo progetto si chiama “Librarsi” ed è dei dipartimenti di salute mentale della Regione Puglia, annunciato da Nichi Vendola già nel 2007.

Prendo spunto da queste iniziative per parlare di libri che aiutano, anche noi persone “normali”, libri che possiamo trovare sugli scaffali delle nostre biblioteche. Non c’è un solo problema al mondo di cui uno scrittore non abbia già fatto esperienza, restituendocela sotto forma di storia. Così, scoprire che anche in luoghi e in epoche diverse, le persone hanno vissuto piccole tragedie come le nostre, o addirittura più gravi, ci aiuta a ridimensionarle. E, poi, un libro ci parla e ci guida, influenzandoci molto più dei consigli di un esperto, perché non ci giudica. Strumento di crescita personale, di conoscenza di sé, il libro può avere un potere salvifico. Il segreto sta nel lasciare risuonare in profondità, dentro di noi, la musica delle parole. Alcuni portano la consolazione nel cuore, altri insegnano a conoscere se stessi, altri ancora sono specchi, riflettono ciò che abbiamo dentro, illuminano su certezze o sollevano dubbi, aiutano a vivere meglio, più consapevolmente. In libreria potete trovare il nuovo libro di Stéphanie Janicot, nata a Rennes nel 1967, romanziera e giornalista: “100 romanzi di primo soccorso per curare (quasi) tutto”. Una lunga lista di libri divisa per argomento, tema, problema. Vi faccio qualche esempio.

Se i litigi dei genitori a cui si è assistito da bambini, si ripresentano ancora oggi attraverso una forte insicurezza nei rapporti, la soluzione può essere rappresentata da “Quel che sapeva Maisie” di Henry James. Se, invece, l’incubo sono i sensi di colpa che si provano verso i figli quando si torna a casa tardi dal lavoro, basta leggere “Infanzia” di Nathalie Serraute e “Il Signore delle mosche” di William Golding.

Alle innamorate non ricambiate può essere utile “Via col vento” di Margaret Mitchell: leggendo gli errori di Rossella alle prese con un uomo che non la ama si potrà evitare di commetterne di simili. Per chi è stata tradita, invece, è utile Monique, la protagonista de “Una donna spezzata“ di Simone de Beauvoir, che sottolinea come la realizzazione personale non si esaurisce nell’essere moglie. E poi c’è “Anna Karenina” di Tolstoj. Una medicina per tutti i mali d’amore.

La giornata al lavoro riserva stress e diventa spesso fonte di angoscia e malesseri? Possiamo leggere “Le illusioni perdute” di Honoré de Balzac, perché mostra come l’ambizione cieca e malvagia si ritorca sempre contro chi la prova. Quando il problema è il capo la soluzione arriva da Amélie Nothomb e dal suo “Stupore e tremori”.

Sentirsi brutta, piatta e quasi trasparente agli occhi di amici e colleghi. Sono sintomi classici e molto diffusi che possono trovare una cura in libri come “La coscienza di Zeno” di Italo Svevo, oppure “L’idiota” di Dovstoevskij.

Per contrastare l’insonnia è indicata la lettura di “La casa del sonno” di Jonathan Coe, un autentico manuale per sconfiggere questo disagio. Altro consiglio: per combattere il male moderno, la solitudine, leggete “L’albergo delle donne tristi” di Marcela Serrano.

La Biblioteca di Trento mette online l’elenco completo degli argomenti e dei libri consigliati da scaricare e leggere in tranquillità.