Questo sito contribuisce alla audience di

Ayurveda: proprietà ed uso terapeutico dello Zenzero

Nell' l'Ayurveda esistono 2 gruppi di erbe: un gruppo che cerca di rimuovere le tossine dal corpo: Haritaki, Amalaki e Bibhitaki (Triphala) e il secondo gruppo che cerca di stimolare gli enzimi: Zenzero, Pippali o Pepe lungo e il Marica o Pepe nero (Trikatu).

Lo zenzero è un rizoma il cui nome botanico è Zingiber
officinalis, è possibile
trovarlo sia coltivato che selvatico; la varietà selvatica
ha un rizoma molto fine, mentre quella coltivata che è la più usata
ha un rizoma molto più grande; la selvatica è molto fibrosa e
pungente, mentre la coltivata è più carnosa e meno piccante.
E’ inutile sottolineare che, terapeuticamente, la varietà selvatica è migliore
e il suo sinonimo è “Mahaushada” che
vuol dire “grande medicina”.

Prabhava – Azione specifica  =
Stimola Pitta, riduce Kapha e Vayu

Lo Zenzero è utile:
Nella nausea, nel vomito, per stimolare l’appetito, nei dolori di stomaco, nei
gonfiori  di
pancia e anche nell’ittero.
Nei dolori cardiaci, angina pectoris (se si dà una tisana di zenzero i
sintomi acuti si alleviano subito).
Nelle sinusiti, faringiti, laringiti, tracheite, polmonite
ed è molto
usato nelle bronchiti e nell’asma.

Dolori reumatici, artrite reumatica e reumatoide; per esempio quando c’è gonfiore
nelle giunture se ne fa una pasta e si applica esternamente, sgonfia e dà sollievo
al dolore, (ha un attività antinfiammatoria).
Se avete una sensazione di calore e bruciore alle piante dei piedi, oppure
se avete costantemente freddo: si fa un olio medicato con lo zenzero e si
fa un leggero massaggio e la sensazione di freddo scompare ( usare zenzero in
polvere).

Quelli che soffrono di gastrite cronica o anoressia nervosa se prendono un pezzo
di zenzero con un poco di salgemma prima di mangiare miglioreranno il loro stato.

E’ anche un leggero afrodisiaco, nonostante sia di sapore
piccante ( in genere è il
sapore dolce che rende afrodisiache le erbe)

Per le donne che soffrono di amenorrea
primaria o secondaria c’è una preparazione specifica “Suvakia
shunti”
che è un preparato dolce fatto con lo zenzero.

Vi consiglio di cominciare ad usarlo in cucina, lega
con molte pietanze
, il
rizoma fresco, tagliato a pezzettini dona un gusto particolare all’insalata,
rendendola più digeribile, è ottimo con il pesce ( si possono
preparare delle salse per condirlo veramente eccezionali)…..oppure semplicemente
usatelo con acqua calda in immersione è una tisana rinvigorente e riscaldante,
buona per gli inverni particolarmente rigidi.

Lo zenzero è un ottimo coadiuvante, terapeuticamente parlando,
ricordatevi però che nulla può sostituire l’operato del medico.

Laura Annarella

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Fanny

    06 Feb 2011 - 14:06 - #1
    0 punti
    Up Down

    Io sono abituata a usare rimedi naturali perchè non amo i medicinali(a meno che non siano strettamente necessari) ma ho scoperto da poco l’uso e propietà dello zenzero da un infermiera professionale.E’ buonissimo in tutto ciò che cucino e come infuso é ottimo;avevo la sinusite da un mese ma dopo 2 tisane con zenzero succo di limone e miele,prima di dormire,non ho più nulla!E’ incredibile quanti soluzioni si possono trovare in natura per migliorare il benessere quotidiano!