Questo sito contribuisce alla audience di

Reiki: come definirlo?

Breve ma necessario Excursus nelle varie terminolgie, definizioni, e quant'altro..."delle Medicine non Convenzionali", per capire come il Reiki è collocato, in diverse parti del mondo, nei vari settori terapeutici.

Cominciamo con il definire il termine “Medicina Alternativa”, la parola stessa
ci fa intendere che è una alternativa al sistema terapeutico convenzionale!
Analizziamo ora il termine “Medicina Integrativa”…non è difficile
capire che si riferisce ad un insieme di tecniche che vanno ad integrare
la Medicina convenzionale, meglio dire a supportare.

Per fare un esempio, collocheremo nella medicina alternativa,
l’agopuntura, l’omeopatia, l’omotossicologia.
…tutte le discipline
che hanno come assunto e base la necessità di essere Medici
per poter essere prescritte ;
metteremo invece in quella integrativa, che come ho
detto, e sottolineo ancora, tutte le tecniche di SUPPORTO e non di sostituzione,
che
non necessitano della laurea in medicina, (ma che spero presto, con la nuova
legislazione, abbiano almeno bisogno di un corso universitario triennale),
come la Naturopatia, il Reiki, il massaggio shiatsu, la
riflessologia ecc…

A volte, in Italia, i termini: Integrativo ed Alternativo
vengono usati
indifferentemente
…ma come ho spiegato sopra la differtenza c’è.
Nel nostro Paese
il Reiki, nelle nuove proposte di legge, viene inserito nelle discipline
Bio-Naturali:

Art.
21.

 (Definizione e individuazione delle discipline bio-naturali).

 1. Sono definite discipline bio-naturali le pratiche che stimolano
le risorse naturali dell’individuo e sono mirate al benessere, alla difesa
e al ripristino delle migliori condizioni della persona, alla rimozione degli
stati di disagio psicofisico e quindi volte a generare una migliore qualità della
vita. Le discipline bio-naturali hanno inoltre le finalità di favorire
la piena e consapevole assunzione di responsabilità di ciascun individuo
in relazione al proprio stile di vita e di stimolare le risorse vitali della
persona, intesa come entità globale e indivisibile. Fermo restando
tali caratteristiche di base comuni, ogni disciplina utilizza approcci, tecniche,
strumenti e dinamiche originali e coerenti con il modello culturale specifico
da cui prende origine.

Chiaramente siamo nell’ambito della prevenzione e delle cure di supporto alla
medicina convenzionale!

In America, il CAMRC (the University Michigan’s Complementary
and Alternative Research Center ), nel 1998 ha stanziato $6.7 million per
investigare sulle modalità curative di questo tipo di terapie
;
per questa ricerca è stato
messo insieme un gruppo di ricercatori, sono stati usati gruppi di controllo
per verificare l’efficacia delle tecniche in questione, sono stati condotti
studi seri ed attendibili. Uno degli oggetti di verifica e studio era proprio
“Reiki to control pain in diabetic patients”

Sempre nell’Universita del Michigan, il 5 Aprile del 2006, nel Primo
Simposio annuale di ricerca sulle cure INTEGRATIVE
sono stati presentati
gli studi effettuati sul “Reiki to control pain in diabetic patients”(
nel link troverete le indicazioni dei ricercatori).

In conclusione parlare di “medicina di supporto/integrativa”, quando si parla
del Reiki, è corretto, e lo sarà ancora di più quando
la legislazione renderà obbligatorio, per lavorare in ambito
sanitario, per questi operatori, corsi di studio adeguati.
Per questo
motivo io e Maria Remigio, stiamo lottando, come tanti altri meravigliosi e
coraggiosi colleghi, per una regolamentazione. L’IRIS nell’
anno 2000 ha presentato un piano di studi quadriennale per la formazione di
terapeuti ed insegnanti in Bioreikiologia.

Quando parlo di Reiki, non mi sento ne timorosa, ne inadeguata, quando lo
definisco una validissima tecnica di supporto alle terapie convenzionali…… la
mia attività lavorativa a fianco di un conosciutissimo medico romano
lo conferma ogni giorno!
Sono stata senz’altro fortunata a trovare
in Italia un medico così di larghe vedute, ma devo anche dire che ho
molto studiato per poter lavorare con lui!!!!

Grazie per l’attenzione

Laura Annarella http://guide.supereva.com/bioreikiologia/interventi/2006/09/268120.shtml