Questo sito contribuisce alla audience di

Oli Essenziali: Ylang - Ylang "Il Fiore dei Fiori"

L'Asia tropicale è la zona dove la pianta di Ylang-Ylang, chiamata anche "Il Fiore dei Fiori", cresce rigogliosa; se non fosse potata regolarmente potrebbe raggiungere i 20 metri di altezza. L'olio essenziale è estratto dai fiori che a seconda della maturità che hanno raggiunto possono essere di colore verde o giallo.

Il suo profumo è strettamente legato
alla sfera sessuale
, pensate che in Oriente si usa spargere dei
petali di Ylang.Ylang sul letto nunziale.

E’ largamente usato nella fabbricazione dei profumi. Possiamo definirlo una
essenza Yin
(femminile), il chakra di riferimento di questo olio essenziale è chiaramente
quello sessuale

PROPRIETA’ - afrodisiaco, antidepressivo, euforizzante,
antisettico, tonico, sedativo del sistema nervoso, favorisce una buona circolazione
sanguigna, utile nei problemi dermatologici ( psoriasi, eritemi, eczemi, herpes), dona
bellezza, luminosità ed elasticità alla pelle, aiuta nella
regolazione del sebo

AZIONE ENERGETICA- Olio quasi unico in quanto riesce ad
equilibrare i nostri stati d’animo: euforizzante, qundo occorre, calmante in
caso di agitazione o ansia. Suo grande pregio, sciogliendo le tensioni psico-fisiche, è il
favorire la comunicazione corporea tra partner, il suo aroma
fortemente sensuale lo rende insostituibile nei soggetti che accusano
una caduta della libido.

IMPIEGO :

Diffusori - usato nell’ambiente, favorisce un giusto
rilassamento ed una atmosfera decisamente sensuale
Bagno - poche gocce nell’acqua calda della vasca aiutano
nei casi d’insonnia, nello stress negativo, favoriscono il rilassamento psico-fisico,;è anche
vero che il suo inconfondibile profumo stimola notevolmente la sfera sessuale
Massaggio - in caso di cefalea diluitene poche gocce in
un olio base di calendula, massaggiatelo in modo circolare sulle tempie,
sul lobi delle orecchie ed al centro della fronte; aggiunto all’olio di mandorle
e frizionato sul cuoio capelluto rinforza i capelli e ne frena la caduta;
ottimo per le punture d’insetti; per chi è particolarmente collerico
consiglio di massaggiarlo sui polsi, o di tenere a portata di mano un fazzolettino
imbevuto con il suo aroma.

CONTROINDICAZIONI - possibili fenomeni di sensibilizzazione,
il suo intenso profumo può provocare cefalea e nausea se usato in eccesso.

COMBINAZIONI - armonizza meravigliosamente con i seguenti
oli essenziali: gelsomino d’Egitto, rosa damascena, sandalo

Come sempre ci tengo a sottolineare che l’operato del medico è insostituibile,
e soprattutto consigliatevi con l’erborista di fiducia per i dosaggi e la qualità dell’olio
essenziale.

Laura Annarella