Questo sito contribuisce alla audience di

Visualizzazione: Autotrattamento Reiki

Normalmente l’Autotrattamento Reiki viene eseguito direttamente sul corpo con le nostre mani, in questo intervento vi propongo una nuova esperienza!

Vi insegnerò a fare un Autotrattamento, in uno stato di profondo rilassamento, alla vostra immagine. Procedete come sotto indicato:

Entrate in un profondo stato di rilassamento con la tecnica a voi più congeniale

Contate dal numero 1 al numero 3, lentamente, e visualizzate un paesaggio a voi caro, dove vi sentite al sicuro, protetti, questo vi permetterà di aprirvi senza riserve a ciò che l’Energia Reiki vi offrirà

Dopo che avrete preso confidenza con il luogo dove vi trovate effettuate la centratura immaginando di essere avvolti da una magnifica Luce
Ora è tempo di chiamare con nome e cognome voi stessi, dolcemente, con Amore e Rispetto, in poco tempo vi visualizzerete.
Il vostro aspetto potrebbe essere diverso da come lo conoscete, vi prego di non usare il giudizio, ma la comprensione!

Ora chiedete alla vostra immagine di avere fiducia in quello che state per fare: per prima cosa prendete dolcemente contatto con lei mettendo una mano sul vostro cuore e l’altra sul cuore della vostra immagine riflessa.

Prestate estrema attenzione a tutte le sensazioni che questo gesto vi suscita, “l’Ascolto Sottile” per chi pratica Reiki è di estrema importanza.

Eseguite interamente il trattamento Reiki con le posizioni che il vostro intuito vi suggerisce, terminate con l’accarezzamento aurico.

Osservate con dolcezza se notate dei cambiamenti nella vostra immagine, chiedetele il permesso di abbracciarla.

Chiudete la visualizzazione ringraziando voi stessi, il luogo che vi ha ospitato e la meravigliosa Energia Reiki che vi ha permesso questa esperienza.
Contate dal tre all’uno e lentamente aprite gli occhi!

Se questa esperienza vi piacerà vi chiedo di rendere tutti partecipi delle sensazioni provate scrivendo un commento all’intervento.

Nella speranza di essere stata di aiuto vi ringrazio dell’attenzione

Laura Annarella