Questo sito contribuisce alla audience di

Nascerà un comitato popolare a sostegno della "causa Heineken".

A Pedavena, nei prossimi giorni, prenderà forma ufficiale un movimento composto da enti, associazioni e privati cittadini accomunati tutti dal medesimo obiettivo: la salvaguardia in loco della produzione di birra.

Nascerà un comitato popolare a sostegno della “causa Heineken“.

A Pedavena, nei prossimi giorni, prenderà forma ufficiale un movimento composto da enti, associazioni e privati cittadini accomunati tutti dal medesimo obiettivo: la salvaguardia in loco della produzione di birra.

Una novità, questa, comunicata ieri sera dal sindaco Franco Zaetta a margine dell’incontro con il presidente di Sviluppo Italia Veneto, Massimo Colomban, e al quale erano presenti anche, oltre alla giunta di Pedavena, gli assessori regionale Floriano Pra e provinciale Daniela Larese Filon.

«Un confronto certamente positivo - ha affermato al termine Zaetta - nel quale abbiamo determinato un percorso che andremo a costruire già da domani.

Colomban, comprendendo bene quale sia il profondo spirito di attaccamento che la comunità feltrina ha nei confronti del sito, ha offerto la disponibilità di Sviluppo Italia Veneto a farsi da tramite con Heineken per verificare la reale volontà di cessione.

Al contempo ha proposto che l’agenzia diventi punto di riferimento per i potenziali acquirenti e le successive trattative che si creerebbero».

«Da parte nostra - ha aggiunto il primo cittadino - manteniamo una posizione di perplessità nei confronti delle azioni di Heineken compiute a favore della cessione della fabbrica. E questa non è la mia opinione personale: sono i fatti che ci fanno avere certi dubbi.

Va bene essere ottimisti, ma non bisogna far finta che certi problemi concreti non esistano. Ecco perché siamo giunti a incontrarci anche con Sviluppo Italia Veneto.

E perché, a breve, sarà avviata la costituzione di un comitato popolare che andrà a proporre tutta una serie di manifestazioni volte a tenere alta l’attenzione verso il futuro dell’area Heineken ».

Raffaella Gabrieli