Questo sito contribuisce alla audience di

Pedavena, la prima birra a metà maggio

Entro il 20 marzo sarà definita la nuova squadra di dipendenti a cui sarà affidato il compito di riavviare la produzione di birra nello stabilimento ex Heineken di Pedavena.

Pedavena, la prima birra a meta’ maggio

Pedavena, la prima
birra a metà maggio
Entro
il 20 marzo sarà definita la nuova squadra di dipendenti a cui sarà
affidato il compito di riavviare la produzione di birra nello stabilimento ex
Heineken di Pedavena.

È
di ieri pomeriggio la consegna da parte della multinazionale olandese, rappresentata
dal responsabile delle Risorse Umane Mario Perego, di tutta la documentazione
relativa ai lavoratori all’amministratore delegato di Castello, Eliano Verardo
e ai suoi collaboratori.«Ora - afferma Verardo - ci attende la fase della
selezione.

Ma
non è da escludere, dato che qualche dipendente ha deciso di lasciare
il proprio impiego, anche quella di un possibile reintegro delle figure professionali
necessarie. Andremo a convocare i tecnici, in primis i manutentori, che consentiranno
di far ripartire la produzione. Quest’ultima fase, comprimendo in una quarantina
i giorni necessari per il ripristino, potrà avvenire all’incirca a metà
aprile. Mentre la prima birra sarà ottenuta, sempre in linea di massima,
a metà maggio. Un evento, questo, che verrà festeggiato con una
grande festa popolare caratterizzata dalla degustazione della prima cotta.

Inoltre,
con la collaborazione di quanti si sono offerti di contribuire alla valorizzazione
del marchio Pedavena e del paese in cui questo è nato, ci stiamo già
muovendo anche a favore della partecipazione a varie altre manifestazioni promozionali».«Al
momento - aggiunge Verardo - si sta concludendo il conferimento del ramo d’azienda
Heineken nella nostra nuova società chiamata Pedavena srl. Questa a sua
volta, probabilmente a fine anno, si fonderà cedendo le proprie quote
alla Castello di Udine spa per fondervisi definitivamente. Per dar vita a una
nuova realtà, detentrice di due stabilimenti, che potrebbe chiamarsi
ad esempio “Castello - Pedavena”.

Contemporaneamente,
e la riunione di oggi pomeriggio (ieri) è stata in questo senso molto
importante, stiamo definendo gli ulteriori passaggi burocratici che vanno seguiti.
In calendario vi è una serie di riunioni che saranno certo utili a chiarire
la strada da percorrere. Tra questi, ad esempio, quello necessario al Ministero
del Lavoro. Ma anche quelli con le Rsu».

E
Davide De Martini Bonan, membro appunto delle Rsu, afferma che «è
nostro auspicio avere quanto prima degli incontri sia con Heineken che con Castello
per definire l’operazione relativa alle assunzioni e per ridare avvio alla produzione».

Fonte
Gazzettino

Marzo
2006