Questo sito contribuisce alla audience di

La vita oltre il post

C’è vita per i post di un blog oltre gli archivi? Ha senso estrapolare esperienze nate per essere bit all’interno di un contesto, vincolante e personale, e dare loro una vita autonoma davanti a un pubblico o tra le pagine di un libro? Tre gli spunti, negli ultimi giorni.

Il primo spunto è l’incontro sulla “scrittura dell’immediato” che Giulio Mozzi ha organizzato durante Pordenonelegge.it, la festa del libro con gli autori che si tiene ogni anno in Friuli. Dieci blogger hanno letto alcuni dei propri post di fronte a un pubblico attento e ben disposto (almeno finché non si è fatto attrarre da altri eventi libreschi di richiamo). Spiega Mozzi:

«Non m’interessava che si parlasse di blog. [.. ] Si è parlato di diario, di scritture nelle quali ci si espone e ci si mette in pericolo - e ognuno si sceglie il medium, l’interfaccia, che meglio gli permette di fare ciò che vuole fare e meglio, insieme, lo protegge. Il blog è uno di questi medium. Mi interessava che queste persone abituate alla cmc, come la chiamano (credo) i sociologi (ossia: Comunicazione Mediata dal Computer), provassero un’altra mediazione. Essere su un palco, con il proprio corpo e la propria voce in bella in mostra, è un’esperienza tutta particolare. C’è chi ci sguazza e chi no. Io la trovo a volte divertente, a volte adrenalinica, a volte penosa. Loro non so» (da Giulio Mozzi, post del 28/9).
In coda al post citato si possono trovare opinioni, resoconti, voci discordi, riferimenti ai post letti e a qualche bella fotografia.

Il secondo motivo per parlarne è il debutto di una nuova collana di libri edita da Jumper, i BlogBook. Si tratta di antologie monografiche di blog più o meno popolari (nella prima serie: Briciolanellatte, Ezraz, Chinaski, Personalità Confusa, RospoVerde, Stefania Da Pont e Orso Tenero), che si possono ordinare solo online e che poi vengono stampati all’istante (print on demand) e spediti a domicilio. Dopo un’accoglienza generale più che positiva, ora resta da vedere se diventerà un successo alla Stampa Alternativa (il celebre editore dei libretti a mille lire – ma i BlogBook non costano affatto mille lire, bensì tra 7 e 9 euro) piuttosto che una nicchia scavata tra i numerosi gadget legati ai blog. Non è la prima volta che selezioni di post di blog vengono raccolte in un libro: era già successo, per esempio, in Blog Out (Novecento Libri 2003, a cura di Ulisse e Marzi) o Baghdad Blog (Sperling&Kupfer 2003, di Salam Pax).

Anche Eriadan diventa un libro, e questo è il terzo spunto. Le ormai celebri strisce quotidiane che Paolo Aldighieri pubblica tutti i giorni sul suo blog tutto visuale sono diventate un libro edito da Shockdom, che sarà presentato a fine mese a Lucca Comics. In questo caso il passaggio dal bit alla carta sembra meno traumatico, quasi un naturale ritorno a casa per un tipo di contenuto che alla carta ha fatto l’abitudine e che sul Web è finito per farsi conoscere a buon mercato.