Questo sito contribuisce alla audience di

Blog in classe

Sul suo blog, Giovanni Boccia artieri pubblica un interessantissimo contributo sull'uso didattico dei blog... Ci avete mai pensato? Un blog di classe: perché no?!

L’idea di usare i Blog in classe durante ( e parallelamente) alle lezioni invita ad una qualche riflessione sull’essenza stessa del medium, sulle sue caratteristiche e sui suoi usi immaginabili e immaginati.
Forse una delle caratteristiche più potenti dei Blog è anche una delle meno evidenti: i Blog sono fortemente relazionali.
Quest’aspetto è emerso anche da una conversazione che io e Fabio abbiamo avuto con Sebastian Fiedler al recente ICL2004. Un blog, al di là dell’aspetto tecnologico e di quello del contenuto è essenzialmente la rete di relazioni che ha in quello specifico blog uno dei propri nodi.
Penso sia interessante capire, o abbozzare delle ipotesi, su quali siano le caratteristiche, questa volta si tecnologiche (forma) e di contenuto, che rendono possibile questa potenza relazionale del blog. Provo ad abbozzare una lista:

- [contenuto] il blog riprende la successione temporale diario-commento. Potremmo dire che il blog è la rappresentazione nata sul web delle modalità di costruzione identitaria tipiche dei media. Ci offre la possibilità (e la rappresentazione) della costruzione identitaria di un osservatore di secondo ordine: immedesimazione e distaccamento sono perfettamente rappresentati dalla lettura del post (che porta spesso caratteristiche della scrittura diaristica) e dal commento.
immedesimazione e distaccamento.

- [forma] il blog è semplice. Le conoscenze tecniche richieste per portarne avanti uno (a patto di non voler installare un Blog server su una linux box senza sapere nulla di linux… php… e compagnia) sono minime.

- [forma] l’ampio uso che i blog fanno della tecnologia xml fa si che siano leggibili su una pluralità di strumenti (Browser… feed reader… )

L’elenco è aperto.

Link correlati