Questo sito contribuisce alla audience di

Alcuni indicatori per misurare la liquidità

L’importanza della liquidità appare chiara ove si consideri che, assieme al rischio e al rendimento, essa è uno degli attributi fondamentali di ogni investimento. Si ricordi che, a parità di rischio, il rendimento richiesto dagli investitori per una determinata attività finanziaria è funzione decrescente della sua liquidità.

Se tale concetto appare evidente, di difficile quantificazione sono le modalità per misurare tale variabile. Infatti, la liquidità di un titolo può essere misurata soltanto considerando una pluralità di indicatori, ciascuno dei quali si rivela parziale se considerato singolarmente, ma in grado di fornire un quadro affidabile se considerato congiuntamente ad altri.
La liquidità potrebbe essere valutata empiricamente in relazione ai costi di negoziazione sostenuti quando un operatore esegue uno scambio; questi possono essere misurati considerando lo spread bid-ask.

I costi di negoziazione rivestono particolare importanza per due motivazioni principali. In primo luogo, tali costi rappresentano una componente quantitativamente non trascurabile nella valutazione del rendimento netto di un investimento; in secondo luogo, influenzano il processo di generazione dei rendimenti e l’efficienza del pricing. Non è soltanto il valore dell’informazione non ancora incorporata nei prezzi di mercato che muove i prezzi, bensì il valore dell’informazione rapportato al costo della negoziazione.

Gli specialist e gli altri fornitori di liquidità fronteggiano il rischio di asimmetria informativa gestendo strategicamente sia lo spread (quotazione bid-ask) che l’ampiezza (quantitativo in denaro e in lettera).

Un altro strumento di misurazione si può ottenere facendo riferimento alla turnover velocity delle azioni, ovvero al rapporto percentuale tra il controvalore degli scambi e la capitalizzazione media in un determinato periodo. Tale indicatore è particolarmente importante perché sintetizza, di fatto, il grado di liquidità di un titolo azionario paragonando il controvalore degli scambi sul valore complessivo di un’impresa.