Questo sito contribuisce alla audience di

Il Mtax andrà in pensione?

In un'ottica di razionalizzazione dei mercati Borsa Italiana mira ad un solo grande listino.Un nuovo progetto sarà portato in consiglio per la fine di novembre.

Nel cantiere di Borsa Italiana si assiste alla progettazione di un unico grande listino che dovrebbe avere origine dall’unificazione del listino principale (Mta, ovvero il mercato telematico azionario) e Mta (ex Nuovo Mercato destinato ad accogliere i titoli hi-tech).

L’accorpamento comporterebbe il passaggio all’Mta delle 37 società ora quotate sull’Mtax nel rispetto dei vari settori di appartenenza. I mercati sono infatti articolati secondo le stesse caratteristiche e seguono orari di contrattazione identici.

Pertanto 2 società confluirebbero nel segmento Blue chip (dedicato alle società con capitalizzazione attesa superiore ad 1 miliardo di euro), altre 25, caratterizzate da alti reguisiti, sarebbero destinate al segmento Star ed infine 10 diventerebbero titoli quotati sul segmento Standard.

Nonostante le similitudini sopraccitate esistono delle sostanziali differenze tra Mta e Mtax, in particolare la quotazione a quest’ultimo richiedeva la presentazione di un solo bilancio unificato mentre per l’Mta, considerando anche la nuova direttiva sui prospetti, saranno necessari un minimo di tre esercizi annuali.

Alla luce di quanto detto è legittimo presupporre una revisione degli indici, con la possibile sparizione del Techstar.