Questo sito contribuisce alla audience di

Animali protagonisti in Borsa

Ma siamo in Borsa o allo zoo? Vi sarà capitato di leggere o sentire parlare di coccodrilli, elefanti, tori orsi e persino delfini. Ripercorriamo allora questa singolare terminologia con cui il mondo borsistico si esprime.

Orso: Colui che investe in Borsa scommettendo sulla discesa delle
quotazioni.

Toro: chi acquista titoli in ascesa con la convinzione che continueranno
a crescere;

Elefante:
grade investitore istituzionale (Es. una compagnia di assicurazione).

Maiale:
risparmiatore con poche informazioni e scarsa preparazione.

Delfino: acquista e vende con grande agilità per ricavarne rapidi
profitti.

Coccodrillo:
professionista della speculazione che gestisce i titoli in modo “spregiudicato”
traendone però grandi profitti.

Nel linguaggio borsistico l’orso è sempre
associato al ribasso, ad una fase calante dei mercati, perché quando la curva
dei grafici scende di solito è morbida e ricorda la schiena di un orso (fantasioso
vero?). Quando invece il mercato cresce in
modo scattante e nervoso ecco che graficamente troveremo impennate che
richiamano le corna di un toro.