Questo sito contribuisce alla audience di

Le piante aromatiche e medicinali

Un breve elenco delle loro proprietà.

Spesso oggi si parla di fitoterapia, fitocosmesi, erbe medicinali e aromatiche ma la confusione e gli errori che si fanno sono molti . Per erba aromatica intendiamo una pianta in cui sono presenti oli essenziali o principi chimici utilizzati  per aromatizzare i cibi, per pianta medicinale intendiamo un organismo vegetale utile per decotti o tisane, o per la fitocosmesi  Possono essere trovate in commercio già in bustine o in erboristeria dove sono vendute a peso. E’ bene sempre affidarsi ad un esperto per la preparazione di tisane o decotti o per la fitoterapia in quanto un principio contenuto in un’erba aromatica può in piccole quantità far bene ma in grande quantità dare effetti dannosi.
Un breve elenco delle principali e più conosciute erbe aromatiche con le relative proprietà ci può dare un aiuto in tale direzione.

ALLORO:  per aromatizzare i cibi e aiuta la digestione .
ANICE : con i semi si preparano decotti digestivi, antiacidi, e contro il gonfiore intestinale.
BAILICO: per aromatizzare i sughi, il decotto è per i gargarismi.
BIANCOSPINO : sedativo nervoso, cardiotonico, ipotensore.
CAMOMILLA: antispasmodico, per nevralgie, ulcere gasriche, gastriti, dolori mestruali.
FINOCCHIO : digestivo e per i gonfiori intestinali
GINEPRO: per aromatizzare arrosti e salmì. Contro la gotta, le infezioni delle vie urinarie e calcoli renali.
GINSENG: tonico del  sistema  nervoso, stimolante.                       
GRAMIGNA :diuretico
LAVANDA: il suo olio essenziale allontana le tarme, è usata in profumeria, in fitoterapia è usata come antispasmodico, antisettico delle vie urinarie e delle vie respiratorie e contro l’emicrania.
LINO: i semi hanno proprietà regolatrici per l’intestino. La farina si usa per cataplasmi in caso di bronchiti e raffreddori.
LIEVITO DI BIRRA: per coliti, stitichezza, acne, per ricostituire la flora batterica intestinale, contro la caduta dei capelli.
LIQUIRIZIA: la radice viene masticata per disabituare al fumo, la tisana ha proprietà antiinfiammatoria (antiulcera e gastrite), contro la tosse ed è un blado lassativo.
MAGGIORANA: si usa in cucina per minestre e si possono fare infusi digestivi .
MALVA: antinfiammatoria, emolliente e contro le infiammazioni intestinali, delle vie urinarie, tossi e bronchiti.
MELISSA: digestiva e per le insufficienze epatiche.
MENTA: aromatizzante e in fitoterapia per l’affaticamento generale e aerofagia.
ORIGANO: aromatizzante per pizze  esughi in fitoterapia come diuretico e per l’asma.
ORTICA: le foglie fresche per fare frittate, ravioli. Diuretica e depurativa, contro la gotta.
ROSA: per preparare acque toniche, per la pulizia del viso, impacchi agli occhi . Usata in profumeria.
ROSMARINO:aromatizzante per sughi e arrosti. In fitoterapia per il fegato, stimolante, antigotta e antireumatico.
SALVIA: per l’alito e per i denti bianchi, abbassa la glicemia, per l’ipotensione, i bagni di salvia sono usati contro l’eczema.
SOIA: indicata nella dieta dei sofferenti di colesterolo.
TIGLIO: sedativo per l’insonnia, per il nervosismo, nella tosse.
TIMO: contiene acido ursolico, può essere considerata una pianta ad azione antibiotica, si usa nelle bronchiti, contro micosi.

Un decotto si ottiene facendo bollire l’acqua con radici, semi, fiori, foglie e parti legnose.
Un infuso si ottiene facendo bollire l’acqua che poi è versata su foglie e fiori.

Ultimi interventi

Vedi tutti