Questo sito contribuisce alla audience di

Il Leccio: sempreverde delle coste mediterranee

Il Leccio è una specie xerofila, appartenente alla famiglia delle Fagaceae, che presenta un tronco non molto slanciato, ricoperto da una corteccia di colore grigio che in gioventù è liscia per[...]

Leccio
Il Leccio è una specie xerofila, appartenente alla famiglia delle Fagaceae, che presenta un tronco non molto slanciato, ricoperto da una corteccia di colore grigio che in gioventù è liscia per diventare, con il passare del tempo, un pò più scura, dura e screpolata. La pianta sempreverde ha una bella chioma tondeggiante e molto densa di foglie coriacee, lucide nella pagina superiore e pelose nella pagina inferiore. Le foglie appaiono diverse per forma e dimensioni nelle varie specie, in genere sono lanceolate od ellittiche con una base cuneata o arrotondata. Solitamente hanno una vita variabile di tre-quattro anni.

Durante il mese di maggio avviene la fioritura con presenza di entrambi i fiori, i maschili formano degli amenti penduli mentre i femminili sono riuniti in coppie di due all’interno di un calice fiorifero. A seguito della fioritura, vengono prodotti i frutti, che sono ghiande ovoidali ricoperte per una buona metà della loro lunghezza da una cupola squamosa a forma di ciotola. Le ghiande possono essere singole o raccolte sul peduncolo in gruppi di 3-5 elementi.

Il Leccio si insedia solitamente nei terreni secchi, ramificando all’interno delle fessure delle rocce a picco delle coste mediterranee. L’apparato radicale è molto profondo, questo fa si che il Leccio possa affrontare lunghi periodi di siccità. In genere il Leccio raggiunge un’altezza di 20 metri e oltre ed è disposto sia solitariamente nella vegetazione, che in gruppi omogenei formanti un bosco.

Il legname di Leccio, non adatto alla lavorazione per la sua durezza, viene utilizzato per la produzione di combustibile e carbone vegetale con alto potere calorico.

Fonte fotografica: www.flickr.com

Ultimi interventi

Vedi tutti