Questo sito contribuisce alla audience di

La crescita spontanea della Ginestra sulle coste del Mediterraneo

La Ginestra appartiene alla famiglia delle Fabaceae. Si tratta di un gran numero di piante con portamento cespuglioso-arbustivo. La Ginestra è diffusa sia in Europa che in Medio Oriente e in Nord[...]

Ginestra
La Ginestra appartiene alla famiglia delle Fabaceae. Si tratta di un gran numero di piante con portamento cespuglioso-arbustivo. La Ginestra è diffusa sia in Europa che in Medio Oriente e in Nord Africa. La troviamo anche nella vegetazione arbustiva delle coste litoranee del Mediterraneo e in Italia sulle coste della Liguria.

La Ginestra è un arbusto fiorifero perenne che può raggiungere fino i 2 o 3 metri di altezza, con portamento eretto e tondeggiante con una chioma ramificata. Il fusto si presenta legnoso e flessibile di un bel verde scuro o marrone. I fiori sono di colore giallo intenso e portano al frutto, rappresentato da un lungo bacello pubescente che contiene i semi. Le foglie della Ginestra sono piccole e lanceolate di colore verde scuro. Le foglie sono distanziate le une dalle altre e cadono quasi completamente al momento della fioritura che va dalla primavera all’estate inoltrata.

La Ginestra, oltre a crescere spontaneamente in natura, viene anche coltivata in giardino. Predilige una esposizione in pieno sole, ma possiede una buona resistenza anche a condizioni più sfavorevoli di ombra, forte vento e freddo. Per quanto riguarda il terreno, non ha grosse difficoltà di adattamento, in genere preferisce terricci poveri e sassosi, purchè siano ben drenati senza ristagni idrici. Grazie alla sua resistenza alla siccità, la Ginestra può giovarsi della sola pioggia e sopportare lunghi periodi senza annaffiature.

La potatura, nella coltivazione, avviene accorciando i rami nel periodo autunnale dopo la completa fioritura. Questo farà in modo da ottenere una chioma più folta in primavera. Le piante coltivate possono essere propagate attraverso il metodo della talea nel periodo estivo o in primavera tramite il seme. Se coltivata in vaso, necessita un rinvaso ogni 1-2 anni e una regolare concimazione con concime idrosolubile.

In medicina, la Ginestra è conosciuta per il suo contenuto di citisina, potente alcaloide velenoso. Viene utilizzata anche in fitoterapia per la proprietà diuretica dei suoi fiori. Nel settore tessile, invece, viene utilizzato il fusto, dal quale si produce una fibra per la produzione di cordame, canapa, lino e juta.

Fonte fotografica: www.flickr.com

Ultimi interventi

Vedi tutti