Questo sito contribuisce alla audience di

La spettacolare fiorescenza della Tillandsia cyanea

Questa bellissima pianta perenne fa parte della famiglia delle Bromelliaceae, è una erbacea sempreverde con una grande versatilità che la rende appropriata alla vita in appartamento, ma che si può ben[...]

Tillandsia
Questa bellissima pianta perenne fa parte della famiglia delle Bromelliaceae, è una erbacea sempreverde con una grande versatilità che la rende appropriata alla vita in appartamento, ma che si può ben adattare anche all’aria aperta nelle zone a clima mite.

Il fiore è la vera particolarità di questa specie, perchè oltre ad essere molto grande, è anche vivacemente colorato con tonalità dal rosa al viola. La fioritura avviene una sola volta nel corso della vita della pianta, però ha una durata che può arrivare fino a 4 mesi. L’involucro esterno del fiore, una volta giunto a maturazione si apre e mostra i veri fiori della pianta che sono di colore azzurro.

Questa pianta ha provenienza dai climi tropicali dell’America centrale ed è solo una delle circa 500 specie che compongono la famiglia delle Bromeliaceae. Questa specia, come molte altre, presenta foglie strette e lunghe (fino a 40 cm.) e larghe circa 2,5 cm. disposte a forma di rosetta compatta, dalla quale si innalza il fusto che sostiene l’infiorescenza a spiga. Il fiore ha una lunghezza di circa 10-15 cm, una forma ellittica e un apice tronco.

La temperatura ottimale è quella in appartamento, con un tasso di umidità abbastanza elevato, non vive a temperature inferiori ai 15°. La Tillandsia ama l’esposizione molto luminosa, ma non a contatto diretto con i raggi solari. Durante il periodo vegetativo va annaffiata fino ad una volta al giorno, mentre in inverno le annaffiature vanno ridotte drasticamente, occorre mantenere il terreno appena umido e provvedere a frequenti spruzzature di acqua non calcarea per aumentare il grado di umidità.

La moltiplicazione della Tillandsia avviene, in primavera, staccando i polloni alla base, prodotti dopo la fioritura e mettendoli a radificare in un nuovo vaso. In questo primo momento di radificazione, l’umidità gioca un ruolo fondamentale, deve essere mantenuta costantemente alta.

Fonte fotografica: www.flickr.com

Ultimi interventi

Vedi tutti