Questo sito contribuisce alla audience di

Il Rosmarino: arbusto spontaneo del mediterraneo

Il Rosmarino, Rosmarinus officinalis, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Il Rosmarino è presente allo stato spontaneo in tutta le zone costiere e nella macchia del bacino[...]

rosmarino
Il Rosmarino, Rosmarinus officinalis, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Il Rosmarino è presente allo stato spontaneo in tutta le zone costiere e nella macchia del bacino mediterraneo. Il suo habitat naturale è costituito dalle rocce scoscese e dirupi sassosi assolati dell’entroterra fino alle coste marittime.

La pianta del Rosmarino può raggiungere un’altezza dai 50 ai 300 cm. Ha fusti legnosi di colore marrone, ascendenti o eretti e profonde radici resistenti.
Le foglie sono sessili, lunghe 2-3 cm., sono strette, persistenti e coriacee con forma lineare lanceolata e fittemente ancorate sui rametti. La pagina superiore è colorata di verde cupo, mentre la inferiore è biancastra e pelosa.

I fiori del rosmarino sbocciano da marzo ad ottobre, sono sessili ed ermafroditi esi raccolgono in piccoli grappoli all’ascella della foglia in spicastri allungati.
Il fiore è formato da un calice campanulato con parte superiore tridentata e parte inferiore bifida. La corolla, di colore lilla, azzurro o violaceo, è bilabiata. Al suo interno sono saldati due stami su filamenti allungati.
L’impollinazione dei fiori di Rosmarino avviene per via entomofila, prodotta da insetti come l’ape.

Il Rosmarino, in quanto pianta aromatica, trova largo utilizzo in cucina per la preparazione di vegetali e carni arrostite. Il suo portamento lo rendono anche adatto ad adornare terrazzi e giardini, per cui spesso viene coltivato in vaso.
Altri utilizzi del Rosmarino sono come tonico astringente nell’industria cosmetica, mentre le foglie e l’olio essenziale vengono utilizzate in erboristeria e profumeria.

Fonte fotografica: www.flickr.com/photos/exper

Ultimi interventi

Vedi tutti