Questo sito contribuisce alla audience di

La coltivazione e cure del Ficus

I Ficus sono piante da appartamento della famiglia delle Moracee, a cui appartengono circa 800-1000 specie di piante. Fra le diverse specie troviamo una grande varietà di piante, alcune di piccole[...]

ficus
I Ficus sono piante da appartamento della famiglia delle Moracee, a cui appartengono circa 800-1000 specie di piante. Fra le diverse specie troviamo una grande varietà di piante, alcune di piccole dimensioni, altre che nel loro habitat di origine diventato grandi alberi. Anche il portamento può essere dei più diversi, cosi come la fisiologia della foglia. Tutte le specie, invece, hanno la presenza di speciali canali laticiferi che contengono un latice bianco, denso e appiccicoso. Nei paesi tropicali e subtropicali (India, Cina e sud-est asiatico) di origine dei Ficus, questo latte viene fatto fuoriuscire dal tronco e prodotta una gomma che desta notevole interesse commerciale, soprattutto per la specie Ficus elastica.

Come detto, la fisiologia dei Ficus nei paesi di origine è molto diversa dai nostri esemplari d’appartamento. Basti pensare che una pianta di Ficus elastica o benjamina raggiunge tranquillamente i 30 metri di altezza. Nei climi del mediterraneo le piante accrescono al massimo fino a 20 metri in Sicilia oppure fino ai 2-2,5 metri in altre latitudini.

SUBSTRATO
I Ficus gradiscono un substrato leggermente acido con un pH variabile fra 5 e 6, ma tollerano decisamente variazioni significative. L’importante è che il terriccio sia sempre molto impermeabile e fertile. L’impermeabilità del terreno è senz’altro la necessità primaria dei Ficus, che mal sopportano i ristagni d’acqua. Quest’ultimi portano presto ad un marciume radicale con conseguente morte della pianta.

ANNAFFIATURE
Durante il periodo estivo, il Ficus necessita di una annaffiatura piuttosto abbondante e frequente. Mentre durante l’iverno, specialmente se la pianta soggiorna in un luogo poco riscaldato, le annaffiature vanno drasticamente ridotte. E’ buona norma analizzare precedentemente il terriccio per giudicare il bisogno di acqua o meno. Altra tecnica molto utile, in generale a tutte le piante d’appartamento, è quella di nebulizzare l’acqua con uno spruzzatore sulle foglie. Sarà la pianta stessa, tramite gli stomi, a decidere quanta acqua assorbire. Inoltre, questa tecnica consente di effuare una salutare pulizia alla superficie fogliare dalla polvere che limita le funzionalità delle foglie.

UMIDITA’
I Ficus gradiscono un tasso di umidità intorno al 70-80%. Se non disponiamo di questo grado di umidità sarà sufficiente alzare il vaso dal sottovaso tramite un supporto plastico e riempire il sottovaso di acqua. Quest’ultima evaporando, garantirà il giusto grado di umidità alla pianta. Per evitare marciumi radicali fare attenzione che l’acqua non sia in contatto con il vaso.

ILLUMINAZIONE
La luce per i Ficus è molto importante. Durante l’inverno devono essere collocati nei pressi di una finestra in posizione luminosa, mentre in estate possiamo collocarli all’aperto al riparo di una veranda o portico, in modo che non ricevano mai i raggi diretti del sole sulle foglie. I raggi solari, infatti, possono scottare le foglie e decolorarle.

TEMPERATURE
La temperatura ideale della nostra pianta di Ficus coltivata in appartamento è intornoai 18-20°, che possono salire fino ai 20-22° a tutto vantaggio della pianta. Importante è cercare di evitare drastici sbalzi di temperatura fra il giorno e la notte e temibili correnti d’aria.

Fonte fotografica: wwwflickr.com/photos/aquariawintersoul

Ultimi interventi

Vedi tutti