Questo sito contribuisce alla audience di

Piante medicinali: La Malva

La malva è una pianta erbacea annuale, biennale o perenne della famiglia delle Malvacee, a cui appartengono circa 25 specie diverse. Nella flora spontanea dell’Italia troviamo la Malva alcea e la[...]


La malva è una pianta erbacea annuale, biennale o perenne della famiglia delle Malvacee, a cui appartengono circa 25 specie diverse. Nella flora spontanea dell’Italia troviamo la Malva alcea e la Malva vulgaris. Il terreno ideale per la crescita della Malva è ricco di materiale organico e al riparo dal vento, anche se non è una pianta che ha grandi esigenze per ciò che riguarda il substrato.

Le foglie possono essere, in base alla specie, frastagliate, arricciate (Malva crispa) o tondeggianti ed incise da lobi triangolari (Malva vulgaris).
La pianta, durante la fioritura, produce vistosi fiori di colore rosa tendente al violetto. I fiori sono piuttosto grandi, circa 3 cm. di larghezza, e presentano petali smarginati con linee di colore più intenso che percorrono la lunghezza. Il periodo di fioritura è durante l’estate.

La pianta della Malva può anche essere seminata e coltivata. La riproduzione avviene per divisione dei cespi o per talea da prelevare in estate. L’esposizione ottimale per una buona coltivazione è in pieno sole, anche se la pianta non viene disturbata dalla mezz’ombra.

Le foglie fresche della Malva trovano diversi utilizzi in cucina, mentre facendole bollire si preparara un liquido da applicare sul viso con effetto rilassante. Per la salute vengono si possono preparare infusi a freddo a base di Malva, utili in caso di gastriti, tosse, laringiti.

Fonte fotografica: www.flikr.com/photos/AnneTanne

Ultimi interventi

Vedi tutti