Questo sito contribuisce alla audience di

Dallas Open

Note da Dallas

Carolyn Dorin-Ballard ha sfiorato la qualificazione ai match-play, finendo 41ma nel turno dei 64 con 2848 birilli a 203.42 di media.
Sarebbe stata la prima donna a qualificarsi ai match-play, ma per 34 birilli il suo sogno non si è tramutatao in realtà, pur se Carolin è rimasta in lizza sino all’ultima partita.
La texana aveva chiuso la prima serie di sette partite sempre in 41ma posizione, con 21 birilli di ritardo dalla trentaduesima piazza, ma un 249 all’ottava partita la faceva rimbalzare al 27mo posto. Purtroppo per lei nelle successive sei partite la sua media scendeva a 195, e questo la riportava in 41ma posizione, 3escludendola dalla qualificazione. La prova di Carolyn è stata comunque positiva, del resto la bravissima giocatrice del Texas aveva dimostrato già di trovarsi a suo agio sul pattern Scorpion.
Difatti in Giugno al suo terzo evento PBA nel Regional Players Championship, giocato sullo Scorpion, la Dorin-Ballard finiva quarta assoluta, in un campo di circa 300 giocatori: se avesse vinto si sarebbe guadagnata un posto nel prestigioso Tournament of the Champions, che concluderà la stagione.
Lo Scorpion è una condizione di gioco particolarmente difficile, che privilegia i tiri molto precisi, condizione ottimale per Carolyn, il cui pregio maggiore come gocatrice è proprio l’accuratezza.
Le medie questa settimana sono decisamente più basse della scorsa, quando si gareggiò con il pattern Cheetah. Al 2005 PBA El Paso Classic, la media generale dopo il round dei 64 era di 234.15, mentre questa volta siamo solo a 206.33.
Una settimana fa a questo punto, avevamo già dodici partite perfette, mentre ad oggi ne son state realizzate solo due.
Eugene McCune è un perfetto esempio della differenza esistente fra i due pattern: settimana scorsa guidava il turno dei 64 a 260.5 di media, mentre questa settimana ha fallito il passaggio al turno sucessivo, giocando solamente a 187.57.
Egli non ha giocato nemmeno una partita rossa nella prima serie di sette: una bella differenza rispetto alla scorsa settimana dove McCune realizzò ben tre partite perfette nel torneo!
Nonostante la cattiva prova che gli è costata l’eliminazione a match-play, Norm Duke è diventato il sesto bowler a raggiungere i due milioni di dollari vinti in carriera!
Per la precisione Duke è ora a quota 2.000.354, incassati nei suoi 23 anni di carriera.
Il leader assoluto delle vincite resta Walter Ray Williams con $3.457.746, seguito da Pete Weber, Parker Bohn III, Brian Voss e MIke Aulby.
Un altra donna si è messa in evidenza al Dallas Open: Kari Schwager.
Kari è terminata seconda fra i non professionisti nelle qualificazioni, e dodicesima assoluta a 204.22 di media, a soli 19 birilli di distanza da Mark Sleeper che è stato il dilettante qualificato questa settimana al turno dei 64!
Sleeper ha raggiunto la qualificazione con un 204 nell’ultima partita, mentre il 205 di Kari non è stato sufficiente a fargli passare il turno.
Paolo Grossi

fonte pba.com

Link correlati