Questo sito contribuisce alla audience di

Bowling: Coefficente di restituzione dell'energia .........

Coefficente di restituzione dell'energia impressa nel rilascio, domanda e risposta, di Vittorio Vaglia e Claudio Tarantola

Domanda:
Ogni palla ha un coefficente di restituzione differente. Attualmente le case costruttrici non ritengono necessario riportare questo dato tra le caratteristiche principali di una boccia.
Si dice però che questo dato verrà presto inserito insieme ai vari Pin lenght, Top e Gross Weight.
A mio parere questa misurazione diverrà FONDAMENTALE nella scelta di una palla da comprare, infatti, da un discorso puramente logico nonchè prettamente fisico, scaturiscono queste equazioni:
+ restituzione = + energia sui birilli.
E ancora:
+ energia sui birilli = aumento del margine di strike sul castello.
Ed in fine:
maggior “spazio” sul castello = maggior numero di strikes realizzati.
………………………………………..
Risposta di Claudio Tarantola (foto):

ho ricevuto la tua mail ma ti rispondo qui sul gruppo perchè ritengo che alcune cose che andrò a dire siano d’interesse generale. Non ritengo sia saggio in questo ambito sviscerare un argomento tecnico come “che cos’è il coefficient of restitution e che influenza ha sul movimento dei birilli colpiti dalla palla ( pin action)” perchè è troppo tecnico ed inoltre può generare confusione ( ovvero più male che bene) nella testa dei lettori. Mi spiego meglio raccontandoti un aneddoto gustoso accaduto nel lontano 1989, quando per la prima volta la FISB in quel del bowling di Veronese Roberto a Duino organizzò un corso di ben tre giorni
tenuto da un bowler americano semi-professionista ( i pro a tempo pieno li chiamano piuttosto dispregiativamente “rabbits”)di nome Tommy kress.
Al corso partecipava anche Lorenzo Monti, che come tu ben sai era un “animale da bowling” e per ciò intendo un giocatore “istintivo”. Tanto per farti un esempio considero un vero “animale da bowling”
Daniela Esposito, mentre Morra per me talvolta sull’approach ragiona troppo.
Alla fine del corso,dopo averci imbottito di nozioni, Kress ci fece giocare. Dopo alcune partite sentii personalmente Monti tornare indietro daal linea di fallo mormorando : ” HO COSI’ TANTE COSE IN
TESTA CHE NON CI CAPISCO PIU’ CA**O”….. Con questa frase colorita, voleva dire che non riusciva più a fare il tiro natirale che faceva e aveva sempre fatto.
Se diamo troppa imprtanza al parametro CoR ( coefficient of restitution) va a finire che i bowlers andranno a cercare le palle che hanno un alto valore di CoR, quando invece le prestazioni delle palle sono un “blend” ( miscuglio) di molteplici cose.
Anche qui mi aiuto con un aneddoto per spiegati quanto sopra. Quando nacquero le bocce “reattive” nel 1991, la ditta FABALL (acronimo di Fabanich balls) fu l’ultima ad introdurle sul mercato le sue Hammer reattive. E quando le introdussero il loro slogan fu “ABBIAMO ASPETTATO TANTO, MA LO ABBIAMO FATTO PER FARE UNA REATTIVA CHE NON SI SPACCA E CHE ASSORBE POCO OLIO”. Dopo alcuni
mesi del loro lancio però in USA girava già la barzelletta: ” SI’, PECCATO PERO’ CHE FACCIANO ANCHE POCO GANCIO”. Il problema in realtà consisteva nel fatto che l’azienda chimica fornitrice di Faball non
riusciva a copiare la formula chimica di Bayer e BASF.
Oh , si le Hammer avevano un alto CoR perchè erano composte solo da nucleo e tutto coverstock, ma la natura del coverstock era poco gripposo, e le rendeva adattissime a condizione di medio-secco ma inadatte a condizioni di olio medio-pesante. Inoltre si sposavano bene con bowlers aventi alto numro di rivoluzioni, ma male con i bowlers con basso numero di giri.
Questo problema chimico persistette e fece sì che la ditta Faball, produttrice delle Hammer appunto, fallì 4 o 5 anni fa ed il marchio Hammer fu rilevato dalla Ebonite.
Il giocatore, secondo me, deve affidarsi ad un buon tecnico, sopratutto ONESTO, che gli consigli l’arsenale di palle più adatto per il suo modo di tirare , e che non gli venda quello che ha in casa tanto per disfarsene…. Eh,di competenza ce n’è più di quanto si creda, ma l’onestà è una merce rara al giorno d’oggi……
Un saluto
Claudio Tarantola

fonte bowlingclub