Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista - Parte 3

Quattro chiacchiere con i Velvet per scoprire il loro passato, il loro futuro e le loro idee!
Quindi
niente boy-band…non vi piacciono completamente, le abolite?
No, ci
piacciono, però non siamo noi una boy-band, non ci sentiamo
una boy-band.
Ah,
ok, ho capito.
Ci
piacciono i Duran Duran, che non erano una boy-band, c’è
piaciuta qualche canzone degli Ultra…te li ricordi?
Sì,
sì…quelli di “Say it once”.
Ecco,
sì, sì. Loro erano una boy-band, ma almeno non facevano
balletti.
Un
pò t
ipo BBMak, li conoscete?
BBMaaak,
li conosciamo?? Ma insomma, voglio dire, noi non abbiamo i
dischi di questi gruppi (abbiamo quelli dei Duran Duran!!),
però, voglio dire, siamo come loro e questo penso sia
evidente. Compriamo altri dischi comunque!!
(…ridiamo)
Di ciò che avete scritto il pezzo che in un certo senso mi ha
più colpita è quello in cui scrivete: “Noi per fortuna
siamo ancora vivi e vegeti perchè mettiamo tutto il nostro
impegno nello scrivere ogni volta una canzone migliore
piuttosto che in una serie di addominali. In fondo però
l’estetica e il modo di porsi contano parecchio nel mondo
della musica, non credete?
L’estetica…sì,
certo, ma conta parecchio quello che va nella società
moderna, attualmente. Perchè fatichi pure a trovare un lavoro
se non c’hai tutte le cose belle e non si è presentabili…e
allora “te ne puoi andà a fà il monaco”! E
comunque questa può essere opinabile come situazione, anzi lo
è sicuramente.
Sì,
certo.
Però
nella musica conta a maggior ragione avere delle magliette
fighe, però comunque se non scrivi delle canzoni belle non
vai avanti…la casa discografica ne prende altri sicuramente
più belli di te. Ma qui sono tutti belli e bravi, smack!
(ridiamo)

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati