Questo sito contribuisce alla audience di

SPECIALE NUOVE ENERGIE

FUNZIONAMENTO

Essenzialmente si compone di un nucleo magnetico rettangolare microcristallino, con interposto un forte magnete permanente, due piccoli avvolgimenti attuatori (input) detti di controllo e due avvolgimenti collettori di uscita (output). Agli avvolgimenti di controllo va collegata una fonte di impulsi ad una frequenza determinata, e a quelli di uscita il carico.

A dispositivo spento, il flusso magnetico prodotto dalla presenza del magnete permanente centrale si suddivide equamente entro la sezione delle due “C”

laterali del nucleo ferromagnetico. Alla attivazione del dispositivo, un impulso ad uno solo dei circuiti di controllo devia il flusso in una sola metà, poi l’impulso cessa e - mentre il campo tende a ridistribuirsi - arriva l’impulso all’altro controllo, che forza il flusso nell’altra metà, e così via.
In breve, il flusso viene fatto rimbalzare da una metà all’altra del nucleo ferromagnetico, per mezzo di impulsi sincronizzati inviati dai circuiti di controllo. Questi inizialmente innescano il processo sincronizzando il ritmo, per così dire, della saturazione e svuotamento del campo magnetico che così inizia ad oscillare fra una metà e l’altra del nucleo, in un ciclo continuo detto ping-pong.
(animazione a destra)
Dopo qualche ciclo per così dire di pompaggio, si ha la saturazione, ed è possibile cominciare ad attingere energia dal picco di tensione e di corrente prodotto dalla reazione di Lenz, tramite i circuiti collettori. L’alimentazione e il sincronismo degli impulsi di controllo viene mantenuto tramite un adeguato feedback positivo con l’uscita. Abbastanza semplice, come tutte le cose davvero geniali.

Ma, dopo oltre un secolo di studi sull’elettromagnetismo, come è possibile che non ci si sia mai accorti di questa possibilità? La risposta è, probabilmente, che le perdite interne dei materiali usati avevano sempre “smorzato” eccessivamente il flusso, e dunque non si aveva ben chiara l’importanza dell’effetto di Lenz (il picco anomalo). Usando invece un forte magnete permanente per saturare inizialmente il nucleo e, soprattutto, usando un nucleo ferromagnetico microcristallino ad alta efficienza (al posto dei normali lamierini per trasformatori), si è prima riusciti gradualmente a ridurre e poi eguagliare la dissipazione dei materiali (COP = 1), e successivamente a ricavare più energia di quella immessa nei circuiti di controllo (COP > 1), grazie al ping-pong imposto al flusso magnetico nel nucleo e al suo opportuno sfruttamento tramite i collettori. Il rendimento è aumentato di molto innalzando la frequenza dagli iniziali 50 Hz (presi direttamente dalla rete) sino agli attuali 40.000 Hz (generati da un oscillatore). Al momento risulta essere stato raggiunto un COP = 5, cioè viene ottenuta 5 volte l’energia in entrata!

Ultimi interventi

Vedi tutti