Questo sito contribuisce alla audience di

Il Giardino delle Esperidi - Festival di teatro estivo fra i monti della Brianza

Occasione unica per scoprire nuovi luoghi della Brianza: percorsi teatrali nel Giardino delle Esperidi

Il Giardino delle Esperidi è un festival estivo, ricco di eventi, con spettacoli provenienti da tutto il mondo, ma è anche un modo di scoprire il territorio, tra il Monte di Brianza ed il Monte Barro, fatto di boschi e borghi - come quello di Campsirago, con il suo cuore teatrale, Palazzo Gambassi, che è anche sede della Residenza Teatrale di ScarlattineTeatro (organizzatrice delle serate).

Arrivata alla sua quinta edizione, la manifestazione propone eventi di teatro, musica, danza e poesia, che si sperimentano, in un cammino itinerante, nel paesaggio dei monti e dei laghi briantei, sui sentieri e negli angoli più suggestivi dei comuni di Santa Maria Hoè, Ello, Galbiate, Valgreghentino, Olgiate Molgora, Colle Brianza e nei luoghi del Parco del Monte Barro.

Per questi luoghi il 2009 è un anno speciale: il Monte Barro è stato, infatti, trent’anni fa luogo di passaggio del grande Maestro e regista polacco Jerzy Grotowskj.
Grazie alla collaborazione con il Parco del Monte Barro il Festival, gli dedica, perciò, tre eventi di teatro nel paesaggio: King J. Lear, da Shakespeare, nella splendida cornice della chiesa a cielo aperto di San Michele al Monte Barro; La Nera ed Altro, testi nella natura da Dino Buzzati, partendo a piedi dall’eremo del Monte Barro; Andrej Periboskj, passeggiata teatrale nella natura per grandi e piccini, partendo dalla chiesa cluniacense di Fignia, a Galbiate.

Le compagnie e gli artisti in programma: Ambaradan, Animanera, Arearea, Cho in Theatre (Corea), Giulio Cavalli, Betty Colombo, Compagnia Marco Gobetti, Michele Cremaschi, El Yeite con Camilla Barbarito, Ilinx, Laboratorio Permanente sull’Arte dell’Attore, Luna e Gnac, Macelleria Ettore, Marivelas (Cuba) NudoecrudoTeatro, Sanpapiè, ScarlattineTeatro, ScarlattineTre, Slapsus, Trickster Teatro (Svizzera), Xirriquiteula.

L’intero programma è consultabile qui