Questo sito contribuisce alla audience di

Gente di Calabria

La comunità occitana

Tra le popolazioni che cercarono rifugio in Calabria nel corso dei secoli c’è anche una colonia valdese profuga dal Piemonte al tempo dell’Inquisizione.

I loro discendenti abitano ancora a Guardia Piemontese, un borgo montano tra Cetraro e Fuscaldo, che presenta ancora l’impianto medievale, con mura di cinta, case in pietra e vicoli a gradinate.

Si entra in paese dall’inquietante Porta della Strage, che ricorda la persecuzione, ordinata dal cardinale Ghislieri, futuro Pio V, nel 1560, di cui i valdesi furono vittime anche in Calabria.

La popolazione conserva la parlata occitanica delle vallate d’origine e i ricchi costumi femminili che vengono ancora indossati nelle feste.