Questo sito contribuisce alla audience di

'Animali di Ariamareterra'' -

Dal 23 aprile al 23 maggio sarà esposta a Reggio Calabria la mostra dell'artista cosentino Aldo Turchiaro. Nel Castello Aragonese sarà possibile visitare l'esposizione che prevede ben 50 opere dell'artista conosciuto a livello internazionale.

Nato nel 1929 a Celico, in provincia di Cosenza .Ha iniziato la sua attività negli anni ’40 con opere che ricordavano Carrà e De Chirico; quindi ha attraversato l’esperienza metafisica, il realismo espressionista, la Nuova Figurazione, pur mantenendo sempre una personale autonomia di linguaggio.
Nel ’50 ha conosciuto Renato Guttuso, di cui fu amico e collaboratore.

Nel ’54 ha allestito la sua prima personale a Cosenza, alla quale ne sono seguite molte altre in numerose città italiane e straniere, in importanti gallerie e musei:
Roma: Gallerie La Nuova Pesa; Il Torcoliere; Toninelli; Ca’ d’Oro; La Margherita;

Firenze: Gallerie Santa Croce; Michaud;
e ancora a Milano, Cosenza, Reggio Calabria, Modena, Parma, Bari, Palermo, Anagni, Torino, Brescia, Lecce, Campobasso;

San Paolo del Brasile, Museo dell’arte di San Paolo ( MASP ).
Ha insegnato nelle Accademie di Belle Arti di Roma, Firenze, Milano.
Ha partecipato a numerose rassegne d’arte in Italie e all’estero, tra cui: 5 Quadriennali romane, la Biennale di Venezia, la Quadriennale di Torino, Il Fiorino, Premio Michetti, Premio Sulmona, etc.

Il Comune di Roma nel 1990 gli ha dedicato a Palazzo Braschi una vasta antologica.

Hanno scritto dell’autore critici, letterati, poeti, pittori, tra cui Bilardello, Dentice, Fagiolo, Guttuso, Sinisgalli, Trombadori, Trucchi, Valsecchi, Vincitorio, Vivaldi,Teophilo,
E’ presente in cataloghi, antologie e annuari: Antonio Del Guercio, La pittura del Novecento, Utet, 1990; Giorgio Di Genova, Generazione anni venti, Bora 1986; La Pittura in Italia, il Novecento/2, Electa 1993; E. Crispolti, La pittura in Italia, Il Novecento/3, Electa 1994.
Come grafico ha illustrato le poesie di Marcia Theophilo (testo di Raphael Alberti, 1980), È fatto giorno di Rocco Scotellaro (Mondadori, 1954), ed altri volumi.