Questo sito contribuisce alla audience di

Coppa Italia: le qualificate

Le favorite passano, le piccole si fermano, tutto come previsto. Domenica scendono in campo otto squadre di A.

La favola di Cenerentola non entra nel primo turno di Coppa Italia, le più grandi e le più forti passano, con la sola eccezione del Genoa. I pronostici sono stati rispettati. Passa il Piacenza di Novellino dal girone 1, a scapito del Chievo, che sognava il derby col Verona. Passa la Sampdoria di Cagni a punteggio pieno, e domenica se la vedrà col Napoli. Passano le due lombarde di A Atalanta e Brescia: se la vedranno rispettivamente con Reggina e Vicenza. Va avanti la Salernitana, anch’essa a punteggio pieno, e nel prossimo turno incontrerà il Perugia. Avanzano anche le nobili decadute in serie B Torino e Venezia. La squadra di Simoni, trascinata dal cannoniere Schwoch (6 gol), trova il Bari, il Venezia trova il Bologna. Chi manca? Sì, il Cosenza, l’autore dell’unica sorpresa del primo turno. Ha eliminato il favorito Genoa, che nell’ultima partita non è riuscito a vincere a Pisa. La squadra di Mutti affronterà il Lecce.
Il prossimo turno inizia domenica, con partite di andata e ritorno. Ma gli squadroni di A che fine hanno fatto? No, non si sono ritirati: le sette sorelle più l’Udinese si decideranno a entrare in competizione il 17 e 24 settembre (ottavi di finale contro le vincenti delle prossime partite). Se non ci avete capito nulla, no problem, la Coppa Italia finisce nel 2001, c’è tempo.

Link correlati