Questo sito contribuisce alla audience di

Ma come funziona il calciomercato?

Continuano le nostre lezioni di calcio, e stavolta si concentrano sul calciomercato. Plusvalenze, scambi, stipendi: seguitemi, che vi spiego come funziona...

Estate tempo di calciomercato, di giornali infarciti di notizie bomba su questo o su quel giocatore. E in effetti il più delle volte è in estate che si realizzano i colpi miliardari più famosi: ricordate i 100 miliardi (lira più lira meno) per Buffon? Quest’anno sicuramente non è la stessa cosa, visto il periodo di vacche magre, ma c’è comunque bisogno di una rinfrescatina sulle caratteristiche del calciomercato.

Ad esempio sapete cos’è una plusvalenza? Bene, ve lo dico io. In pratica è una “porchetta” che permette alle società di fare un lifting ai propri bilanci. Funziona così: io do un giocatore a te e tu ne dai uno a me. Li valutiamo entrambi 20 miliardi, e visto che l’avevamo acquistati a 1, abbiamo una plusvalenza nel bilancio di 19 miliardi. Dov’è la porchetta? Semplice, nel fatto che i due giocatori valutati 20 miliardi il più delle volte sono delle pippe stratosferiche (un esempio che mi torna in mente è quell’anno in cui Lazio e Juve tentarono lo scambio Birindelli-Favalli, valutandoli 18 miliardi…).

E la comproprietà? Significa vendere metà del giocatore. Un pezzo a una squadra e un pezzo all’altra, come dei quarti di bue. Se poi alla fine del contratto le società non si mettono d’accordo su chi acquista in toto il giocatore, si va alle buste: chi offre di più si prende tutto il giocatore. E per quanto riguarda gli stipendi che leggete sui giornali, sappiate che si parla sempre di cifre al netto del tasse: poi le società a quelle cifre devono aggiungere altri bel po’ di soldini, che si cucca lo stato (e mentre lo fa si sdraia dalle risate, pensando ad esempio ai miliardi di Redondo, che non ha mai giocato…).

Un’ultima lezioncina: il diritto di riscatto. Esso non si applica in casi di rapimenti da parte dell’Anonima Sequestri, ma quando una società ha il diritto di acquistare un giocatore dopo che gli è stato concesso in prestito. Semplice, no?
Per delucidazioni maggiori, scrivetemi, e vedremo di contattare il gran visir di tutti gli esperti di calciomercato: Moggi.