Questo sito contribuisce alla audience di

Alla faccia di tutti gli altri

Abbiamo vinto, e lo sport preferito dagli stranieri è l'insulto all'Italia: gli facciamo paura? Meglio, sarà più bello batterli...Intanto fate ciao ciao agli spagnoli insieme a me.

L’Italia ha vinto, è passata ai quarti di finale: venerdi sera incontreremo l’Ucraina di Sheva per andare in semifinale. Tutto lo stivale esulta, aspetta già con trepidazione la partita di venerdi: intanto all’estero lo sport preferito dai media è il tiro all’italiano.
Dagli Usa alla Spagna, dall’Argentina all’Inghilterra: parlano tutti della solita Italia catenacciara, di fortuna sfacciata, di rigore inesistente. Addirittura quelli del giornale iberico As hanno avuto la faccia tosta di dire che nel primo tempo ha giocato meglio l’Australia: ma sono scemi?

Allora sapete cosa mi viene da dire? Prrrrrrrrrrr: una mega pernacchia a tutti.
Primi fra tutti gli spagnoli: con che faccia criticano la nostra nazionale? Cosa hanno mai vinto in vita loro? Nell’ultimo scontro a Usa ‘94 con noi hanno preso due conocchie (hermanos, ricordate Baggio?), e anche questa volta se ne tornano a casa dopo gli ottavi (grazie Francia). Meglio che stiano zitti per almeno 4 anni…

Vabbè, lasciamo perdere le battute, sentiamo gli azzurri…
Barzagli: “Certo che l’emozione era tanta, ma i compagni mi hanno incitato continuamente. E poi giocare vicino a uno come Fabio Cannavaro è incredibile perché sai che quando sbagli lui può recuperare. E’ impressionante, mostruoso”.
Totti: “‘Fin dal momento in cui l’arbitro ha indicato il dischetto non avevo alcun dubbio che avrei tirato e segnato”. Continua così anche nei quarti…

(foto fifaworldcup.com)

Argomenti

Link correlati