Questo sito contribuisce alla audience di

Le Pagelle di Olanda-Italia

E’ il caso di farle, dopo una tale disfatta? Non ne avremmo voglia, però dobbiamo...

Non vorremmo fare le pagelle in un’occasione come questa, ma i Campioni del mondo azzurri sono stati tutto, tranne che Campioni del mondo, quindi… sculacciamoli.

Buffon: 5. Ci aveva abituati a ben altri miracoli. Gigi, quel piazzamento sul gol del 2-0 non ci è mica piaciuto: perché non sei rimasto in porta?
Panucci: 5. Niente di che.
Barzagli: 4. Si vabbè, Cannavaro è un’altra cosa, però sei un campione del mondo. Se ti vede il Wolfsburg ti rimanda a Palermo.
Materazzi: 4,5. Divide con Barzagli le amnesie del primo tempo. Sul secondo gol olandese lo stopper era Di Natale! Vabbè che era contropiede, però…
Zambrotta: 5. Rispetto allo Zambrotta del Mondiale, un pacco. Poi quella pantomima sul terzo gol…
Gattuso: 4,5. Falloso e abbastanza inutile, pensando che in panchina c’era De Rossi.
Pirlo: 5,5. Una punizione nel secondo tempo e poco altro. Dai Andrea, una bella doccia e dimentichiamo tutto.
Ambrosini: 5. All’inizio il migliore, grazie alla grinta e alla voglia di affondare, poi si perde nel grigiore generale. Magari la prossima volta proviamo Aquilani, che dici?
Camoranesi: 5,5. Un po’ poco come terzo attaccante, un po’ poco come rifinitore, un po’ poco come tutto.
Di Natale: 5,5. Nel primo tempo il più pericoloso, nel secondo tempo un desaparecido.
Toni: 4,5. Il goleador del Bayern è rimasto in Baviera, il tipo con il 9 che si è mangiato quel gol davanti a Van Der Saar non era lui.
Del Piero, Grosso e Cassano: 6,5. In ritiro si diceva che fossero i più in forma, ed in effetti lo hanno dimostrato.
Donadoni: s.v.. Avrà già gli incubi di suo, meglio non dire niente.

Argomenti