Questo sito contribuisce alla audience di

Abbiamo fatto i galletti allo spiedo

Gli Azzurri risorgono e battono 2-0 la Francia nello scontro diretto, qualificandosi ai quarti. Romania sconfitta dall’Olanda, ci aspetta la Spagna.

Vialli diceva che quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare: beh, contro la Francia gli azzurri hanno fatto i duri. L’Italia ha battuto la Francia 2-0, e si è qualificata ai quarti di finale degli Europei, dove affronterà la Spagna.
L’Olanda, alla faccia di tutti i dietrologi che pronosticavano il biscottone, ha battuto un’inguardabile Romania 2-0.

Gli azzurri hanno giocato una grandissima partita, alla faccia dello spocchioso cartomante Domenech: caro allenatore (o forse ex allenatore) della Francia, da noi le hai buscate sempre, ora accomodati da qualche altra parte.
L’Italia è stata forte psicologicamente, tatticamente e fisicamente, ed ha anche avuto quel pizzico di fortuna che le era mancata nelle prime due giornate: dopo pochi minuti Ribbery che esce infortunato, poi Abidal che fa rigore e si fa espellere, poi il secondo gol di De Rossi su maldestra deviazione di Henry. Il 17 giugno era il giorno di Italia-Germania 4-3, non poteva tradirci e non ci ha tradito.

Abbiamo segnato a metà prima tempo grazie ad un rigore di Pirlo, dato per un netto fallo da ultimo uomo di Abidal, poi abbiamo rischiato più volte di raddoppiare: incredibili le due occasioni avute da Toni e quella mancata da Perrotta.
Poi l’orgoglio della Francia ci ha un po’ ricacciato indietro, prima che De Rossi mettesse al sicuro il risultato (nella ripresa) con una sassata su punizione deviata in modo decisivo da Henry. Da lì alla fine era solo accademia, con Cassano che infervorava il pubblico e Domenech che assisteva basito alla sua Waterloo.
Abbiamo fatto i galletti allo spiedo, ora andiamo a castrare i tori!

Le Pagelle di Italia-Francia

(foto sportinglife.com)

Argomenti