Questo sito contribuisce alla audience di

Liga spagnola: Real ko a Valladolid, il Barça tenta l’allungo.

Grandi sorprese negli anticipi del campionato spagnolo, giunto in questo week-end alla sua decima giornata.

In casa dell’outsider Valladolid, il Real Madrid che sarà orfano di Van Nistelrooy probabilmente per il resto della stagione in corso, va sotto dopo il bolide di Canobbio ad inizio ripresa e non regisce più, lasciando per strada tre punti pesanti nella corsa al titolo e, soprattutto porgendo il fianco alla fuga del Barcellona. I Blancos chiudono addirittura in 10 (espulso Heinze), continuando nel loro personalissimo periodo nero. Dopo l’eliminazione-shock ad opera del Real Union (club di terza divisione) dalla Coppa del Re, un altro brutto colpo per Schuster, (qui nella foto sportsnob.com) forse definitivamente sfiduciato dal presidente Calderon e mai in discussione come in queste ore.

Gli uomini di Guardiola, già da soli in testa alla classifica, questa sera possono approfittare del turno sulla carta favorevole: il Recreativo Huelva è tutt’altro che una ”invincibile armada” e la nona vittoria consecutiva non sembra certo un traguardo irraggiungibile. Altro particolare a favore della fuga catalana: il loro più diretto inseguitore, il Villarreal di Giuseppe Rossi sarà impegnato alle 19 nella tana del temibile Malaga.

Infine sorpresa anche durante la notte nell’altro anticipo: a stupire è lo Sporting Gijon, bravo a violare il campo del Valencia. Le reti di Luis Moran (20’) e Barral (51’) danno vita ad un match subito carico di emozioni e scuotono i padroni di casa che accorciano grazie ad un penalty trasformato dal solito Villa (68’). Castro all’81’ spegne i sogni valenciani rendendo inutile la rete poco prima dello scadere di Mata (89’). Finisce dunque 3-2 per i baschi. Ed anche il Valencia si dimostra sofferente all’altitudine.