Questo sito contribuisce alla audience di

Fiorentina e Juve; missioni compiute!!

I viola accedono in Uefa mentre ai bianconeri basta pareggiare per essere primi nel loro girone.

Quando in questa stagione si pronuncia il nome di Alberto Gilardino è come se si parlasse di tutta la Fiorentina. Grazie al solito, ennesimo gol dell’attaccante di Biella la Viola riesce a battere a domicilio i rumeni della Steaua Bucarest ed a raggiungere l’obiettivo prefissato del passaggio in coppa Uefa. Con il suo gol arriva anche la prima vittoria stagionale in Europa dei ragazzi di Prandelli, solamente sfiorata nel rocambolesco esordio di Lione. E giusto in Francia si è decisa la leadership del girone: in un match atteso come combattutissimo il Bayern Monaco mette una seria ipoteca dopo appena mezzora. Due reti di alla sua maniera Klose ed una perla in diagonale di Ribery (liberato da un filtrante di Toni…) mandano subito ko i francesi che, dopo il palo di Ederson sul momentaneo 2-0 rientrano nel match durante il secondo tempo grazie alle reti di Govou, lestissimo su una corta respinta di Rensing, e di Benzema, bravo a saltare l’estremo tedesco ed a depositare nel sacco. Finisce 2-3, bavaresi primi, Olympique dietro.

Basta invece un pareggio alla Juventus contro un Bate Borisov che potrà concludere l’anno dicendo di non essere mai stato sconfitto dai bianconeri. Nella gelida notte dell’Olimpico di Torino la gara finisce a reti inviolate dopo che le uniche emozioni erano state confezionate da Marchionni (colpo di testa sul palo per lui) e da Giovinco, che spara malamente alto un penallty concesso a metà ripresa per un fallo su Amauri. L’Italo-brasiliano esce per far posto a Del Piero in vista di Juve-Milan e la formazione di Ranieri si conferma prima soprattutto grazie agli scontri diretti vinti contro il Real Madrid. E al Santiago Bernabeu inizia alla grande l’avventura di Juande Ramos sulla panchina delle merengues: Raul approfitta dello svarione di Malafeev e fa 1-0 dopo una manciata di minuti. Robben, con un delizioso lob, raddoppia nel corso del secondo tempo, imitato ancora da Raul che beffa allo stesso modo l’estremo russo. Il capitano madridista con questa doppietta sale a quota 66 e stacca Inzaghi nella speciale classifica dei cannonieri europei. La risposta di Superpippo non arriverà subito, la coppa Uefa riposa.

Raul può festeggiare un po’ più a lungo, mentre allo Zenit rimangono solo briciole e coppa Uefa. Appunto.