Questo sito contribuisce alla audience di

Champions League: Italia – Inghilterra parte 1.

Solo l’Inter riesce a strappare un pareggio, ma ai punti il Manchester stravince.

Le paure alla vigilia del triplice incrocio calcistico tra Italia – Inghilterra erano molte. E il turno di andata degli ottavi le ha confermate tutte: Roma e Juve perdono di misura in quel di Londra, mentre l’Inter, nonostante il dominio inglese se ne va tra quindici giorni nella ‘perfida albione’ forte del pareggio senza reti di San Siro.

Manchester a sorpresa senza Rooney, Tevez e Scholes dall’inizio, ma le defezioni non sembrano preoccupare i red devils: il coreano park è un diavolo vero e proprio e tiene a bada un Maicon mai visto così scarico, Cristiano Ronaldo impegna subito Julio Cesar con una capocciata terrificante da due passi. Santon è un cliente più scomodo del previsto per il pallone d’oro e allora il portoghese ci prova coi piazzati: su uno di questi il portiere nerazzurro si salva con l’aiuto del palo, poi è Giggs che gli scarica il sinistro in pancia anziché crossare. Inter assente ingiustificata. La ripresa vede le uniche due occasioni per la Mourinho band: prima un pallone ciccato da Adriano a centro area e poi una mischia su azione di corner nella quale Cambiasso non trova il giusto guizzo. Nel bel mezzo continuava lo show – Manchester: Park non arriva per un pelo su un traversone basso, Giggs, dopo essersi bevuto mezza difesa calcia addosso a Cordoba, infine proprio sul triplice fischio, Ronaldo abbatte letteralmente Julio Cesar da trenta metri su calcio franco.