Questo sito contribuisce alla audience di

Amichevoli e qualificazioni: Capello può sorridere, Dunga no.

L’Inghilterra di Don Fabio vince e convince, il Brasile di Carlos raccoglie un solo punto a Quito.

Con le nuove casacche più candide che mai l’Inghilterra si prende gioco della Slovacchia nell’amichevole giocata a Wembley nel mercoledì delle qualificazioni. Sugli scudi il ‘Crazy man’ (così Capello chiama Rooney), autore di una doppietta, e David Beckham, a secco di reti ma preziosissimo coi suoi assist e nuovo record-man della nazionale britannica in quanto a presenze (109 come Bobby Moore).Nel 4-0 finale le altre marcature portano la griffe di Lampard ed Heskey.

A Quito invece ci vuole l’ennesima prova da campione di Julio Cesar per evitare al Brasile di scivolare clamorosamente per la seconda volta nel girone unico sudamericano. E le brutte notizie non sono solo per Dunga: durante il primo tempo si fa anche male Maicon (sospetto stiramento, ora l’attesa è per la reazione di Mou…), Ronaldinho non incide sul match e Julio Baptista, in campo al suo posto sigla il momentaneo vantaggio verde-oro con un destro ribattuto dal palo e rientrato in rete dopo una carambola con la schiena del portiere ecuadoregno. L’estremo interista para il parabile, respingendo praticamente tutte le conclusioni degli attaccanti di casa: l’unico che riesce a superarlo è Noboa, al minuto 89, grazie ad un tap-in da zero metri.
Che Julio Cesar sembra addirittura toccare…