Questo sito contribuisce alla audience di

Serie A: negli anticipi vincono Juve e Lazio.

All’Olimpico di Torino il Napoli continua la sua crisi, a quello di Roma Zarate stende il Bologna.

Ci vuole un’autorete per consentire alla Juve di aver la meglio su un Napoli troppo attendista nel primo tempo e poco incisivo nella ripresa. Senza Nedved, Camoranesi e Sissoko, i bianconeri ritrovano la coppia gol Del Piero – Trezeguet; Reja, senza Maggio e Gargano, sceglie il centrocampo muscolare con Pazienza, Montervino e Blasi. Prima frazione a forti tinte bianconere, con i partenopei arroccati ad aspettare gli attacchi e pericolosi solo con un tacco di Vitale che smarca Hamsik, ipnotizzato da Buffon. Le polveri bagnate dell’attacco juventino non permettono di superare la barriera difensiva napoletana, allora ecco la deviazione significativa di Blasi su tiro da fuori di Marchisio che mette fuori gioco Navarro, giusto una manciata prima del rientro negli spogliatoi.

Nella ripresa si vede Datolo ed il Napoli, seppur con uno sterile possesso palla, prende in mano la gara: l’argentino ex Boca colpisce molto bene da fermo e proprio da un suo calcio franco Cannavaro e Lavezzi confezionano il pareggio, che Ayroldi prontamente annulla per fuorigioco millimetrico del capitano partenopeo. Finisce qua con Ranieri preoccupato per il ritorno di Champions: Legrottaglie, uscito malconcio dopo uno scontro di gara è in forte dubbio per il Chelsea.

Davanti ai suoi tifosi la Lazio, invece, si sblocca e torna alla vittoria dopo diverse settimane: a Mihajlovic non riesce lo scherzetto alla sua ex squadra. Biancocelesti con il tridente leggero Foggia-Pandev-Zarate; rossoblù che affidano al solo Di Vaio le possibilità realizzative. Un grande calcio di punizione di Zarate fa festeggiare l’Olimpico dopo 35 minuti del primo tempo; durante i secondi 45 Bologna impegnato nella rincorsa, ma Foggia è in gran giornata e Rocchi, appena entrato, porge a Zarate l’assist per il definitivo raddoppio quando mancano meno di 10 minuti al termine: tocco sotto e partita chiusa. La Lazio dei miracoli è tornata?