Questo sito contribuisce alla audience di

Coppa Uefa: il calcio russo accusa il colpo.

Dopo l’eliminazione del Siviglia nei precedenti turni, escono anche le altre due vincitrici (entrambe ex sovietiche) degli ultimi tre anni.

Ucraina batte Russia 2-0. La nuova frontiera del pallone a Est è rappresentata dalla patria di Blokin e Shevchenko e non più dalla Russia che vede Cska e Zenit già fuori agli ottavi di finale, con i primi eliminati peraltro giusto da una formazione ucraina, lo Shaktar Donetsk, reduce dalla Champions e bravo a rimontare la rete di svantaggio subita a Mosca. La Dinamo Kiev, invece, ammiraglia da tempo del calcio ucraino ha la meglio in 180’ non senza fatica sulla sorpresa Metalist, giustiziera della Samp.

Mercoledì una rete di Niang aveva già condannato Van Basten, anche lui giustiziere di una nostra pretendente (la Fiorentina) che era riuscito a portare il Marsiglia fino ai supplementari replicando all’Amsterdam ArenA il 2-1 del Velodrome.

L’altra francese qualificata è il PSG, vittorioso a Braga grazie alla rete sulla sirena di Hoarau che vale i quarti dopo il nulla a reti bianche dell’andata. Incredibile all’Ataturk: il Galatasaray di Morgan De Sanctis, avanti 2-0 si fa rimontare e sorpassare 2-3 dall’Amburgo che festeggia l’insperato passaggio di turno.

Ci poteva essere qualcosa di marcio in Danimarca per il Manchester City: l’Aalborg vince 2-0 e porta gli uomini di Hughes ai supplementari e poi ai rigori. Gli inglesi passano per 5-4, ma quanta fatica… Caro Al Mansur, hai voglia a metter le mani al portafogli…