Questo sito contribuisce alla audience di

Champions League/4 Inghilterra – Italia finisce 3-0.

La ‘particolare vittoria’ di Mourinho non fa il paio con la qualificazione dell’Inter. Allo United basta meno di un’ora per volare ai quarti.

Secondo lo ‘special one’ ora l’Inter vincerà sicuramente lo scudetto perché – dice il portoghese – i suoi ragazzi hanno dimostrato di non aver più paura… Sarà così ma ormai solo i tifosi ottuagenari riescono a ricordare l’ultima volta che la coppa dalle grandi orecchie fu alzata da braccia interiste e per la terza stagione consecutiva la formazione del presidente Moratti non entra neppure tra le prime otto potenze d’Europa!! Se l’ingaggio del nuovo allenatore serviva per il successo europeo che manca da 45 anni, il bilancio non è certo positivo.

Venendo al match dell’Old Trafford va detto che la sfortuna alla quale fanno riferimento i nerazzurri deve essere rapportata alla fortuna che ha permesso loro di arrivare al ritorno ancora in corsa per la qualificazione, grazie all’incredibile 0-0 di San Siro. Manchester, comunque, che per non saper né leggere né scrivere va subito avanti con Vidic che brucia da corner un impietrito Vieira a centro area. O’Shea si mangia il raddoppio, allora ecco il classico asse Maicon-Ibra con il primo che crossa ed il secondo che schiaccia sulla traversa il colpo di testa del pareggio. Nella ripresa praticamente lo stesso canovaccio: red devils subito a segno con Cristiano Ronaldo, sempre di testa, poi Adriano prova l’eurogol su traversone di Cambiasso: palla sul palo. Da lì in poi i ragazzi di Ferguson non hanno problemi ad amministrare il vantaggio. Se per Mou questa è una vittoria allora il calcio italiano può sorridere…

Certo, se l’anno scorso contro il Liverpool dicevano di essere usciti a testa alta prendendo tre gol, senza mai segnare e senza mai finire una gara (tra andata e ritorno) in parità numerica, questa volta Moratti si può sentire davvero soddisfatto!!