Questo sito contribuisce alla audience di

Strane presenze nel centro storico di Napoli

Il cuore di Napoli &#nbsp;e' nel centro storico della citta' ed e' una vasta zona ricca di chiese e palazzi monumentali Santa Chiara e' la chiesa voluta dalla Regina Sancia di Maiorca, moglie di Roberto d'Angiò, tipico esempio di arte gotica-provenzale del XIV secolo,unitamente alla Chiesa del Gesù Nuovo nella cui piazza c'è l'obelisco dedicato alla Madonna Immacolata, è il punto da cui si stende la parte più antica.

Proseguendo per via Benedetto Croce nel labirinto di  stradine conosciute  come Spaccanapoli, sulla sinistra incontriamo
Palazzo Filomarino
, residenza del filosofo da cui ha preso poi il nome la strada.

Si sbocca quindi a Piazza San Domenico Maggiore caratterizzata dalla guglia barocca simile a quella di Piazza del Gesù; Percorrendo poi vico S. Domenico usciamo su  via Francesco De Sanctis
, famosa, non tanto perché porta il
nome di colui che vi  abitava, ma in quanto qui  troviamo la celeberrima Cappella San Severo, monumento funebre della famiglia dei principi de Sangro alla quale appartenne pure l’adiacente palazzo, nobile residenza
di Raimondo de Sangro, principe di San Severo, al quale la cappella è dedicata.

Raimondo de Sangro avvolto da un inquietante mistero: stregone o fine alchimista?

La sua persona a due secoli di distanza è oggetto di discussioni e diatribe tra i suoi discendenti e gli studiosi che ancora cercano di scoprire
il segreto degli scheletri racchiusi nelle bacheche di vetro ospitate nei sotterranei della Cappella, qualcuno racconta che siano due dei suoi servitori.
Nelle  notti di luna piena  in quella strada s’ode echeggiare lo scalpitio dei cavalli della sua carrozza che si spegne solo davanti all’ingresso di quella che fu la sua ultima dimora.

La cosa è confermata, sottovoce, dagli abitanti del quartiere.

Vero è che per quei vicoli, a notte fonda, quando il silenzio avvolge la città si può percepire un’alea strana che proviene dagli imponenti edifici, ora civili abitazioni, corpo unico con la dimora dei San Severo.

Si racconta che la strana atmosfera che pervade la zona sia stabilitata dal fluire di “entità”: gli spiriti erranti di preti e monache che lì
si radunano, tornando a rivivere momenti trascorsi.


La stessa Luigia Sanfelice, che abitava in quella zona si racconta che avesse l’abitudine di mettere un coperto in più alla sua tavola per l’ospite invisibile.

Un’abitudine che qualcuno pare abbracci ancora, visto che i vetusti palazzi nobiliari, appartenuti a famiglie blasonate, sopravvissuti ai loro padroni, hanno la’ un “testimone”, lasciato da vecchi proprietari per non essere dimenticati!

Nei pressi del cinema Adriano, nelle vicinanze di  vico freddo Donn’Albina c’è uno stabile completamente disabitato nonostante a Napoli sia molto difficile trovar casa.

Le voci sono contrastanti, affitti troppo cari o le ombre strane che sono state viste  aggirarsi dietro quelle finestre, luci intermittenti
e rumori improvvisi?

Il fatto è che per ora nessuno è andato ad abitarci.

Passando via Tribunali, superando via Duomo, arriviamo 
di fronte a Castel Capuano, fondato da Guglielmo il Malo, secondo re di Napoli, figlio di Ruggero il Normanno, residenza reale.

Non puo’  mancare  anche fra queste mura una storia di anime vaganti.

Nei corridoi ripieni di scaffali  polverosi pare aleggi l’ inquieto spirito di Giuditta Guastamacchia, donna bellissima, una natura perfida occultata in un volto angelico, dalla sfrenata concupiscenza, decapitata per i suoi feroci crimini.

Gli  atti del processo,  ci raccontano di  come indusse l’amante, con la complicità del padre, ad uccidere suo marito in circostanze orride, coinvolgendo poi anche un giovine chirurgo vittima del fascino ammaliatrice
della donna.

I teschi della Guastamacchia, del padre, del sicario e del chirurgo, sono stati oggetto d’analisi per gli studiosi difisiognomica criminale e sono attualmente conservati nel Museo anatomico grazie al prof. G. B. Miraglia (1855) che li donò nel 1869 al prof. Gennaro Barbarisi, direttore dell’allora gabinetto di Anatomia Umana della Facoltà di Medicina.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Napolimisteriosa.blogspot.com

    21 Oct 2010 - 23:38 - #1
    0 punti
    Up Down

    post interessante segnalo anche questo blgo con notizie e curiosita sui misteri e i luoghi di Napoli
    Napolimisteriosa.blogspot.com

Le categorie della guida