Questo sito contribuisce alla audience di

Lo Guarracino....

...che jeve per mare jeve truvan de se n'zurare... Lo Guarracino Una delle canzoni piu' interessanti del settecento, definita dal filosofo Croce "una singolare fantasia capricciosa e graziosa e di un brio indiavolato" Portata al successo da molti interpreti della canzone napoletana come Sergio Bruni, la Nuova Compagnia di Canto popolare e Roberto Murolo .

La filastrocca ambientata nel regno sottomarino, racconta la gelosia
dell’ Allitterato (pesce appartenente alla famiglia dei tonni) ,
messo in guardia dalla Vavosa, dell’intesa fra la
Sardella
, sua promessa sposa, e Guarracino.

Il Guarracino, deve invece rinunciare al proprio amore, perché la bella sardella è stata promessa all’allitterato. Ricordiamo che, tra i numerosi
pesci nominati nella canzone, vi sono: l’auglia (aguglia),
capechiuove
(piccola seppia), ceceniello (piccola alice),
ciefaro
(cefalo),
cuoccio
(palaio), grancetiello (granchio), marvizzo (tordo di
mare), palaio (sogliola), ‘a pescatrice (rospo di mare o rana pescatrice

L’Alliterato, <<primmo e antico ‘nnamurato>>>, sfida a
duello l’antico ‘nnamurato l’impostore; la notizia si sparge
velocemente e da tutti gli anfratti e gli scogli sommersi accorrono i pesci che si schierano con l’uno o con l’altro dei pretendenti e la
storia finisce in una rissa generale che da’ modo al cantastorie di enumerare tutti i pesci che abitano nel golfo di Napoli.

Guarracino e’ il nome popolare con cui viene chiamato il

coracino, pesce nero e bruttissimo.

Il Farfariello e’ uno dei diavoli che
Dante pone a guarda dei
barattieri (Inferno, XXI), mentre Pallarino e’ presumibilmente un temuto “guappo” dell’epoca.

I versi, agili ed eleganti, ricchi di fantasia e di innovazioni linguistiche danno vita ad un crescendo divertentissimo di situazioni paradossali.

Lo guarracino e’ oramai riconosciuta come la prima tarantella della storia
della canzone partenopea.

Lo guarracino ghieva pe mmare

Ghieva trattanno de se nzorare,

Se facette no bello vestito

De scarde de spine pulito pulito,

Co na perucca tutta ‘ncrifata

De ziarella ‘mbrasciolata

Co lo sciabo’ scolla e puzini

De punto d’angrese fine fine.

Cu li cazune de rezze de funno

Scarpe, e cazette de pelle de tunno,

E sciammeria, e sciammerino

D’aleche e pile de voje marino,

Co buttune, e buttunera

D’uocchie de purpe, secce, e fera,

Fibbia, spata, e sciocche ‘nnorate

De niro de secce, e fele d’achiate.

La Sardella a lo barcone

Steva sonanno lo calascione;

E a suone de trumbetta

Ghieva cantanno st’arietta

“E tare’ lo mare e lena

“E la figlia de sia Lena

“Ha lassato lo ‘nnammurato

“Pecche’ niente l’ha rialato.

Lo Guarracino ‘nninch’ a guardaje;

De la Sardella se ‘nnammoraje;

Se ne ghiette da na Vavosa

La cchiu’ becchia maleziosa;

L’ebbe bona rialata

Pe’ mannarle la ‘mmasciata:

La Vavosa pisse pisse

Chiatto, e ttunno nce lo ddisse.

La Sardella ‘nnincho sentette

Rossa rossa se facette,

Pe lo scuorno che se pigliaje

Sotto a no scoglio se ‘mpezzaje;

Ma la vecchia de vava Alosa

Subbeto disse, ah schefenzosa!

De sta manera non truove partito

‘Ncanna te resta lo marito;

Ma la Patella che steva de posta

La chiammaje facciatosta

Tradetora, sbrevognata

Senza parola, malenata,

Ch’avea ‘nchiantato l’Alletterato

Primmo, e antico ‘nnammorato;

De carrera da chillo ghiette

E ogni cosa lle decette.

Tu me lieve la nnammorata

E pigliatella sta mazziata;

Tuffete, e taffete a meliune

Le deve paccare, e secozzune,

Schiaffe, ponie, e perepesse

Scoppulune, fecozze, e conesse,

Scerevecchiune, e sicutennosse

E l’ammacca ossa, e pilosse.

Patre, figlie, marite, e mogliere

S’azzuffajene comme a fere

A meliune correvano, a strisce

De sto partito, e de chillo li pisce.

Che bediste de Sarde, e d’Alose

De Palaje, e Raje petrose

Sareche, Dientece, e Achiate,

Scurme, Tunne, e Alletterate,

Muorze, e pizzeche a beliune

A delluvio li secozzune

Non ve dico che bivo fuoco

Se faceva pe ogne luoco

Te’, te’, te’ cca’ pistolate,

Ta’, ta’, ta’ la’ scopettate

Tu’, tu’, tu’ cca’ li pistune

Bu’, bu’, bu’ la’ li cannune.

Ma de canta’ so gia’ stracquato,

E me manca mo lo sciato,

Sicche’ dateme licenza

Graziosa e bella audienza,

‘Nfi che sorchio na meza de seje

Co salute de luje e leje,

Ca se secca lo cannarone

Sbacantannose lo premmone.

Le categorie della guida