Questo sito contribuisce alla audience di

La rinascita di Nino d'angelo

Nelle interviste prima del&#nbsp; Festival, Nino, si auspicava di poter vincere "possibilmente" un premio della critica, e le sue attese non sono state deluse

Grosse sodisfazioni quest’anno per l’artista napoletano che si e’ posizionato all’undicesimo posto con  17.466 voti e terzo per il premio della critica Mia Martini.

Sono oramai lontani i tempi di “Nu jeans e na maglietta”, Nino
in una versione piu’ matura con i capelli brizzolati decide di dare una svolta alla sua vita artistica, riscoprendo sonorita’ etniche che si fondono ai contenuti partenopei.

Gaetano d’Angelo detto Nino nasce in quartiere tra i piu’ poveri di Napoli, S.Pietro a Patierno, il 21/6/1957, e’ un frate che sentendolo cantare in chiesa l’indirizza alla professione musicale nel
1976.

Il primo lavoro dell’artista e’ “A storia mia” realizzato grazie ad una colletta popolare e venduto con un sistema di porta a porta.

Negli anni 80 e’ il protagonista indiscusso della canzone partenopea e di film come “Uno scugnizzo a New York.

Lo
ricordiamo autore delle musiche del film di Roberta Torre
“Tano da Morire”

Il pezzo presentato a Sanremo e scritto da lui con musiche sue e del maestro Nino Tortora.

E’ la storia di un vecchio boss che tira le somme della sua vita alle prese con la sua coscienza.

Uno dei pezzi piu’ suggestivi della carriera dell’artista partenopeo, una storia  in dialetto napoletano, a due voci, cantato e recitato.

Subito dopo il Festival uscira’ il suo ultimo lavoro “‘O schiavo e ‘o re”.

Intanto riscuote successo in teatro recitando  in L’ultimo
scugnizzo
di Raffaele Viviani.


Nino D’Angelo

‘A storia ‘e nisciuno
N.D’Angelo - C. Tortora -
N. D’Angelo
Io songo figlio a
‘o mare

nato ‘int’a terra ‘e nisciuno

addo’ se campa ‘e famma e sete

tengo ddoje mane e sette dete

tre l’aggio perze pe’ sparà

ero guaglione a diciott’anne

tutto pe’ colpa ‘ell’ignoranza

mettetto incinta maddalena

una puttana del quartiere

e m”a facetteno spusà
Tenive ‘o mare

pe’ghi’a parlaà ogni sera

tenive ‘o mare

e ‘o mare te steva a sentì

tenive ‘o mare

‘o mare p’alluccà cchiù forte

tenive ‘o mare

‘o mare pe’ fuji’ d’a morte

Disocuppato per
mestiere

ma me piaceva ‘e fa’ carriera

correnno appriesso a ‘na bucia

me so’ truvato mmiez”a via

cu’ ‘e senza legge e l’omertà

e aggio vista ‘a galera

la dint’ ‘a notte è cchiu’ nera

è stata ‘na cumbinazione

dette dduje schiaffe a nu’ buffone

e fuje ‘mpruwisamente ‘o rre

Tenive ‘o mare

pe’ghi’a parlaà ogni sera

tenive ‘o mare

e ‘o mare te steva a sentì

tenive ‘o mare

‘o mare p’alluccà cchiù forte

tenive ‘o mare

‘o mare pe’ fuji’ d’a morte

Mo cu’ sei figli
e tre muguere

vaco fujenno juorno e sera

cantato ‘a chi nun canta maje

lassato sulo a guarda’ ‘e guaje

a nun penza’ pe’ nun capi’

 

 

Le categorie della guida