Questo sito contribuisce alla audience di

Fare i Morti a Napoli

Fa 'e muorte, ossia Fare i morti e cioè, maledire i morti, i defunti, gli antenati del proprio contradittore. Esperti in questo genere di litania si diceva che fossero i cocchieri delle « carrozzelle ».


‘E muorte formano un crescendo, che va dal semplice al complesso :


Mannaggia
chi t’è muorto
(Maledetti i tuoi defunti!)


Mannaggia
‘e muorte ‘e chi t’è muorto
(Maledetti i defunti dei tuoi defunti!)

 

 


Mannaggia
‘e megli muorte ‘e chi t’è muorto
(Maledettii migliori defunti dei
tuoi defunti
!)


Mannaggia
‘e moglie muorte ‘e chi t’è stramuorto
(Maledetti i migliori defunti di chi ti è stradefunto!)


Mannaggia
‘e muorte ‘e chi tè sona a muorto
. (Maledetti i defunti di colui che ti suonerà le campane a morto!)


Mannaggia
‘e meglie muorte…
(come sopra).


Mannaggia
l’ossa cariulato ‘e chi t’è muorto
, o di chi t’èstramuorto,
o di chi tè sona a muorto. (Maledette le ossa cariate di chi
ecc. ecc
.)

La litania potrebbe proseguire con molte varianti, specialmente con quella che maledice il liquido seminale dei morti, degli stramortì e
di chi suona a morto. Questo genere di imprecazione sono prive di qualsiasi significato o valore offensivo.
In effetti, esse non servono che a rafforzare il discorso e a colorirne i “velati” concetti.

E’ d’uso nonna che una nonna faccia ‘e muorte al nipotino
guagliunciello
. Anzi» per dare maggiore enfasi al discorso, lo chiamerà addirittura, con voce squillante : Chi t’è muooooorte !….

Ma le locuzioni Fa ‘e muorte, Faciteme *e muorte, acquistano un significato diverso intomo al 2 novembre, giorno della commemorazione
dei defunti
. Si usa a Napoli, in questa ricorrenza, dare delle mance che si chiamano, appunto, ‘e muorte.

Le categorie della guida