Questo sito contribuisce alla audience di

Te Voglio Bene assaje

Siamo nel 1835 e, Raffaele Sacco, ottico di professione, ad una festa di amici si esibisce con questa canzone, che diventa immediatamente un successo, e tra le più belle e celebrate del repertorio classico napoletano.

 

 

Intorno alla paternita’ di questa canzone, tra le piu’ famose e belle del
repertorio classico napoletano, tra gli altri ne parla anche Luigi
Settembrini

nelle sue “Ricordanze della mia vita”,  sono sorte numerose
leggende, La piu’ diffusa, suffragata persino da Salvatore di Giacomo,
attribuisce a Gaetano Donizetti la composizione della Musica.
Ricostruzioni storiche, invece sembrano smentire questa tesi.

L’autore dei versi e’ invece l’ingegnoso Raffaele Sacco, ottico di
professione, ed inventore dell’aletoscopio, uno strumento in grado di rivelare
la contraffazione di bolli e sigilli, strano eh…che un napoletano inventi un
affare del genere :-)

Te voglio bene assaje diventa la  piu’ famosa canzone che fu cantata a
Piedigrotta, la piacevole melodia ed i versi che l’accompagnavano, ne
fecero una vera ossessione per i napoletani,  e n acquero rivalita’ tali
che alcuni autori tentarono, invano, di sminuirla pubblicamente anche attraverso
altri compon

  Veduta
della Piedigrotta del 1960

imenti.. La canzone  fu composta nel 1835 e Sacco si
esibi’  cantandola per scherzo ad una festa tra amici. Persino il Clero si
interesso’ alla cosa e Sacco (per non inimicarsi il Cardinale Riario Sforza)
compose una variante “ecclesiale”. La canzone porto’ grande fama a
Sacco
ma pochi soldi. Cosi’ continuò il mestiere di ottico nella sua
bottega, la stessa che oggi i suoi eredi gesticono nello stesso posto.

 

 

 

Te voglio bene assaje

‘Nzomma songh’io lo fauzo?

Appila, sié maesta:

Ca ll’arta toja è chesta

Lo dico ‘mmeretá.

Io jastemmá vorría

lo juorno che t’amaje!

 

Io te voglio bene assaje…

e tu nun pienze a me!

 

Pecché quanno mme vide,

te ‘ngrife comm’a gatto?

Nenné’, che t’aggio fatto,

ca nun mme puó’ vedé?!

Io t’aggio amato tanto…

Si t’amo tu lo ssaje!

 

Io te voglio bene assaje…

e tu non pienze a me!

 

La notte tutti dormono,

ma io che vuó durmire?!

Penzanno a nénna mia,

mme sento ascevolí!

Li quarte d’ora sonano

a uno, a duje, a tre…

 

Io te voglio bene assaje…

e tu non pienze a me!

 

Recòrdate lo juorno

ca stive a me becino,

e te scorréano, ‘nzino,

le llacreme, accossí!…

Deciste a me: “Non chiagnere,

ca tu lo mio sarraje…”

 

Io te voglio bene assaje…

e tu non pienze a me!

 

Guárdame ‘nfaccia e vide

comme sòngo arredutto:

Sicco, peliento e brutto,

nennélla mia, pe’ te!

Cusuto a filo duppio,

co’ te mme vedarraje…

 

Io te voglio bene assaje…

e tu non pienze a me!

 

Saccio ca non vuó scennere

la grada quanno è scuro…

Vatténne muro muro,

appòjate ‘ncuoll’a me…

Tu, n’ommo comm’a chisto,

addó lo trovarraje?

 

Io te voglio bene asssaje…

e tu non pienze a me!

 

Quanno só fatto cennere,

tanno mme chiagnarraje…

Tanno addimmannarraje:

Nennillo mio addó è?!

La fossa mia tu arape

e llá mme trovarraje…

 

Io te voglio bene assaje…

e tu non pienze a me!
 

 

Le categorie della guida

Link correlati