Questo sito contribuisce alla audience di

Proverbi sorrentini

una raccolta di proverbi e modi di dire della costiera sorrentina

Proverbi Sorrentini

La nonna diceva:


Chi nun accatte e nun venne nun saglie e nun scenne.
Chi non compra e non vende non sale e non scende.

‘O ciuccio nun cammina, si n’abbusca.
L’asino non cammina, se non è sferzato.



L’obbligo co’ patre to’ puo’ leva’ ma ca’ mamma no.
La riconoscenza con il padre te la puoi togliere, ma con la madre no.

‘Ntiempo ‘e tempesta tutte ‘e strunze saglieno a galla.
In tempo di tempesta tutti gli “stronzi” salgono a galla.

Aria netta nun ave’ paura ‘e tronole.
Aria pulita non incute paura di tuoni.

Quanno ‘a furmica mette ‘e scelle, è segno che vo’ muri’.
Quando la formica mette le ali è segno che vuole morire.

E’ meglio a nascere senza naso ca’ senza sciorta.
E’ meglio nascere senza naso che senza fortuna.

Chi ‘ntroppeca a tutt’ ‘e prete da via va senza piere a casa.
Chi si ferma a tutte le pietre della strada va a casa senza piedi.

L’uocchie vonne ‘a parte ‘llora.
Gli occhi vogliono la loro parte.

L’omme ‘e tre cose se ne vede bbene:
de’ sorde ‘e spiccio
‘e ‘nu pare ‘e scarpe vecchie
‘e ‘na mugliera brutta.
L’uomo gode di tre cose:
dei soldi spiccioli, di un paio di scarpe vecchie e di una moglie brutta.



Femmene, ciuccie e crape teneno tutte ‘a stessa capa.
Donne, asini e capre hanno tutti la medesima testa.

‘O barbiero te fa bello, ‘o vino te fa guappo, ‘a femmena te fa fesso.
Il barbiere ti fa bello, il vino ti fa guappo, la donna ti fa fesso.

Quanno ‘e cummare s’accocchiano
songo comme ‘e maruzze
una fete e n’ata puzza.
Quando le comari si riuniscono
sono come le lumache
una odor
a male e l’altra puzza.



Chi tene ‘a lengua longa se mmarita
chi no, rimane vecchia zita.
Chi tiene la lingua lunga si marita
chi non, resta zitella a lungo.

Femmene, cane e baccalà
p’essere bbuone s’hann’ ‘a mazzià.
Donne, cani e baccalà
per essere buoni si devono bastonare.



Femmene, tiempo e furtuna
vèneno e vanno comme fa ‘a luna.
Donne, tempo e fortuna
vengono e vanno come fa la luna.

‘A femmena è comme ‘o cravone:
si è stutato te tegna, si è allummato te coce.
La donna è come il carbone:
se è spento ti tinge, se è acceso ti scotta.

Fa cchiù ampresso ‘a femmena a truvà ‘a scusa
ca ‘o sorece a truvà ‘o pertuso.
Fa più presto una donna
ad inventare una scusa
che il topo a trovare il buco.

Chi nun fraveca e nun mmarita,
nun sape ‘o munno comm’è.
Chi non costruisce e non affronta matrimoni non può dire come sia fatto il mondo.

Pane ‘e nu juorno vino ‘e n’anno e guagliona ‘e quinnece anne.
Pane di un giorno vino di un anno e ragazza di quindici anni.

Doppo ‘e cunfiette,
se vedono ‘e refiette.
Dopo i confetti,
si vedono i difetti.

Casa senza femmena è come varca senza padrone.
Casa senza donna, è come barca senza padrone.


Meglio ‘na mugliera zellosa
ca ‘mpicciosa.
Meglio una moglie zellosa
che impicciosa.

‘A mugliera nun è mugliera
si nun è ‘mbrugliera.
La moglie non è moglie
se non è un po’ imbrogliona.



L’acqua ‘nfraceta o bastemiento a mmare,
‘a mugliera ammarcesce ‘o marito ‘nterra.
L’acqua imputridisce il bastimento a mare,
la moglie fa marcire il marito a terra.


‘A mugliera ‘e llate
è sempe ‘a meglio.
La moglie degli altri
è sempre la migliore.

‘A socra era ‘e zucchero,e se squagliaie.
La suocera di zucchero si squagliò.

‘A Santu Biase ‘o sole p’ ‘e case, a sant’Andulino ‘o sole p’ ‘e marine.
A S. Biagio il sole per le case a S. Antonino il sole è alle marine.

A San Giuanne miette ‘e noci e a San Michele lievannelle.
A San Giovanni metti le noci e a San Michele toglile.

Quanno vene Santu Pietro, o verde o sicco, miete.
Quando viene S. Pietro o verde e secco, mieti.

A Santa Rosa fenesce ‘o riposo.
A Santa Rosa (30 agosto) finisce il riposo.

Comme Catarenéa, accussì Nataléa.
Come sarà a S. Caterina (25 Novembre), Così sarà a Natale.

Si frevàre nun frevarea marzo ‘ngrogne l’ogne.
Se febbraio non “febbrareggia” marzo imbroncia le unghie.

Abbrile, cocchte priesto e sosete matino.
Aprile, Coricati presto ed alzati di buon mattino.

Tanno l’annata è persa, quando o’mese ‘e abrile deventa marzo.
allora si perde l’annata: quando il mese di aprile diventa marzo.

Tanto va na chioppeta de marzo e d’abrile,
pe ‘quanno va nu cato d’oro a chi ‘o tira.
Tanto vale una pioggia di marzo e di aprile
quanto vale un secchio d’oro a chi lo tira.

Austo bello, nun aizà ‘o culo ‘a terra
Agosto bello, non alzare il culo da terra.

Tanno è granillo quanno è dinto ‘a vuttazzella, Tanto è uoglio quanno è dint’ ‘o zirretiello.
Allora è grano, quando è nella botte, Allora è olio, quando è nell’orcio.

Tre cose vo’ ‘a campagna:
bona stagione, bona semmenta e bbuono zappatore
Tre cose esige la campagna:
la buona stagione, in buon seme ed un buono zappatore

Cannalora, ’state dinto e vierno fora;
ma chello ca ‘e fatto ‘e sole l’adda fa ‘e neve ancora.
Candelora, l’estate è dentro e l’inverno è fuori;
ma quanto è stato di sole lo dovrà fare, ancora, di neve

Le categorie della guida