Questo sito contribuisce alla audience di

Il Museo Diocesano di Napoli

Il giorno 23 ottobre 2007, per ferma volontà dell’Arcivescovo di Napoli, Cardinale Crescenzio Sepe, alla presenza del Presidente della Repubblica, On. Giorgio Napolitano e del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, On. Francesco Rutelli, è stato inaugurato ed aperto al pubblico il Museo Diocesano di Napoli. Il Museo ha trovato la sua collocazione naturale all’interno della splendida e vasta chiesa seicentesca di Donnaregina Nuova situata di fronte al palazzo che ospita l’Arcidiocesi e in collegamento con il Duomo di Napoli.

IL MUSEO DIOCESANO DI NAPOLI

All’inizio del Seicento le Clarisse del monastero di Santa Maria Donnaregina decisero di costruire una nuova chiesa barocca, più consona al gusto del tempo, annettendo l’antica chiesa gotica alla zona della clausura.I lavori per la costruzione del nuovo edificio sacro, detto perciò di Santa Maria Donnaregina Nuova, iniziarono nel 1617.

Salendo la maestosa scala di piperno si entra nella navata della chiesa rivestita di marmi policromi con una volta seicentesca interamente affrescata con la Gloria della Vergine. Sopra il presbiterio si trova un affresco del giovane Francesco Solimena che ha rappresentato Il Miracolo delle rose di san Francesco e accanto all’altare maggiore le ultime tele del pittore barocco Luca Giordano.

In occasione dell’inaugurazione del Museo Diocesano di Napoli, che si svolge all’interno della chiesa di Donnaregina Nuova, chiusa da molti anni, ritornano opere di grande pregio: nella prima cappella a sinistra L’immacolata Concezione del lorenese Charles Mellin del 1646; nella terza cappella a destra la Santificazione di Francesco, rara iconografia del Solimena; e la tenera Madonna con Bambino di Massimo Stanzione posta nella sacrestia.

Accanto ai molti e bei dipinti propri della chiesa ex monastica, il primo percorso museale presenta opere d’arte aggregate per illustrare due temi importanti della fede cristiana e manifestata nella chiesa Napoletana: la raffigurazione di Maria, modello di vita per i cristiani, e la rappresentazione di San Gennaro, Patrono di Napoli e della Campania, come martire/testimone della fede.

Il tema martirio trova descrittori formidabili con Giovan Bernardo Lama, Fabrizio Santafede e Pietro Torres; mentre le opere ispirate al tema mariano vantano nomi come quello del fiammingo Teodoro D’Errico, Francesco Solimena, Aniello Falcone, Andrea Vaccaro e Marco Pino, che nel Cinquecento ha lasciato tante note significative nel campo della pittura, con larga influenza territoriale.

Ma non si tratta delle uniche meraviglie che si trovano nella chiesa, entrando nel Museo tanto ancora si potrà scoprire per una visione originale della Napoli del Seicento.
Tavole, tele, affreschi, sculture, ori, argenti…tante le novità da ammirare.

La disposizione delle opere evidenzia i momenti più salienti dei temi scelti, grazie al quale il Museo Diocesano diviene, secondo le parole di Sua Eminenza Crescenzio Sepe ”…punto di riferimento sia per una sapiente rivisitazione della storia credente della Comunità locale espressa nella forma delle arti, sia per una lettura culturale altrettanto sapiente dell’oggi.

Si può visitare il Museo Diocesano di Napoli con l’ausilio di audioguide in italiano e in lingue straniere o con una guida specializzata su richiesta.
I nostri esperti illustreranno i luoghi e le opere di maggiore interesse culturale e religioso del Museo secondo un percorso guidato che spazia dalla navata alle sacrestie per riscoprire capolavori o approfondire tematiche particolari.
Inoltre e’ possibile fornire di cuffiette i visitatori che potranno, accompagnati da esperti, ammirare le bellezze del Centro Antico di Napoli, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, creando così un collegamento con il territorio circostante.

Organizzazione eventi

Il Museo Diocesano di Napoli, posto all’interno della chiesa barocca di Santa Maria Donnaregina Nuova, ha in primis il fine di promuovere e valorizzare il patrimonio artistico e storico legato al territorio del Centro Storico di Napoli. Questo splendido e affascinante complesso monumentale che ospita il Museo, si pone però, non solo quale luogo espositivo, ma anche come punto di incontro dove trascorrere piacevoli momenti, in un’atmosfera conviviale durante conferenze, dibattiti, convegni, congressi, concerti e presentazioni di libri all’interno di una architettura sfavillante di dorature, marmi intarsiati e affreschi di artisti famosi.

Un luogo mistico ma con un decoro di tale ricchezza da lasciare senza fiato gli animi più sensibili.

La maestosità dell’arte barocca si fonde con la giusta atmosfera creando momenti speciali e indimenticabili.

Chiesa di Santa Maria Donnaregina Nuova - Museo Diocesano di Napoli - Largo Donnaregina, Napoli

Collegamenti: La chiesa è posizionata nel Centro storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo; vicino al Porto e alla Stazione ferroviaria; Metropolitana Linea 1 fermata Museo, Metropolitana Linea 2 fermata piazza Cavour; Autobus E1

Accesso disabili.

SPAZI A DISPOSIZIONE

Navata ed area presbiterale

Misure: mt. 60 x mt. 15

Capienza: fino a 500 persone

Spazio adatto per convegni, conferenze, seminari, concerti, spettacoli teatrali, cene di gala, buffet ecc..

Sala piano ammezzato

Misure: mt. 11,50 x mt. 7,70

Capienza: 100 persone

Spazio adatto per concerti, conferenze, meeting, didattica, catering. 2 Sale primo piano (vicine e comunicanti). misure: mt. 12 x mt. 6 e mt. 12,50 x mt. 11,50 capacità: 200 persone circa. Spazio adatto per conferenze, meeting, concerti, seminari, didattica, pranzi/cene seduti, buffet, ecc..

Dotazione tecnica delle sale: scrivania per i relatori, microfoni da tavolo, podio, microfono per il podio,

radiomicrofono, pedane, impianto video, cuffiette per traduzione simultanea. Possibilità di: proiezione filmati e diapositive; proiezione DVD; visite guidate al Museo con personale specializzato; visite ai maggiori monumenti del Centro storico e alle botteghe presepiali di San Gregorio Armeno.











SANTA MARIA DONNAREGINA NUOVA

Largo Donnaregina – Napoli - tel. 081.557 13 65 – fax 081. 299 480

Responsabile marketing Carmen de Rosa cell .

Le categorie della guida